giovedì 13 Giugno 2024

26 luglio 1956, Nasser sfida l’Occidente

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Quarantotto anni fa la crisi di Suez. In seguito il vittorioso Nasser avrebbe costretto gli Americani e gli Israeliani a preoccuparsi tanto da suscitare e foraggiare i fondamentalisti islamici contro il nazionalismo che aveva risvegliato.

26 luglio 1956. La nazionalizzazione del canale di Suez, decisa a sorpresa dal regime del colonnello Nasser, al potere in Egitto dal 1952 provoca una crisi internazionale. Israele, Francia ed Inghilterra attaccano militarmente gli egiziani, ma l’Onu e gli Stati Uniti, impegnati nella “decolonizzazione” , di fatto per la “nuova colonizzazione delle multinazionali” mettono freno all’aggressione. I giovani del Msi avevano frettolosamente allestito un barcone per partire volontari ad appoggiare le forze amiche dell’Egitto. Il nuovo governo egiziano, che aveva instaurato canali preferenziali economici e diplomatici con il Msi, grazie a Filippo Anfuso, era l’espressione dei giovani ufficiali nazionalisti che si erano battuti contro l’Inghilterra nelle fila dell’Asse. Nasser avrebbe rappresentato di lì a poco il punto di riferimento del nazionalismo panarabo (tanto che trasformò l’Egitto in R.A.U. Repubblica Araba Unita) ed osteggiò fattivamente le mire neo/imperialistiche americane. A partire dagli anni Sessanta gli Usa utilizzarono contro di lui e contro il regime che gli è succeduto il pupazzo Gheddafi – sempre pronto ad attribuirsi la paternità di ogni attentato che porta alla Cia e indisturbato tranne che sotto Reagan – e gli integralisti islamici. Fu un attentato dei Fratelli Musulmani che mise significativamente fine alla vita del successore di Nasser, Sadat, la cui politica aveva costretto gli israeliani a retrocedere dai territori occupati. Da allora la politica nell’area non è mutata. Contro il Nasserismo e contro i partiti Ba’as, contro il nazionalismo palestinese, gli Usa e Israele alimentano il fondamentalismo islamico.

Ultime

Dipendenza gas

Ma resta volatile, come il mercato

Potrebbe interessarti anche