lunedì 4 Marzo 2024

Addio Enke

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Il portiere della nazionale tedesca non ha voluto sopravvivere alla morte della figlioletta

“Robert si è suicidato alle sei di questo pomeriggio, lo posso confermare”. Arriva così all’agenzia tedesca Sid la conferma del suicidio di Robert Enke, il portiere dell’Hannover e della nazionale tedesca. A dare la notizia è un amico e consigliere del calciatore, Joerg Neblung, confermando dunque l’ipotesi del suicidio già avanzata dalla polizia. Enke, che aveva 32 anni, è stato investito da un treno a un passaggio a livello a circa 25 chilometri a nordest di Hannover. Lascia la moglie ed una bambina di otto mesi adottata lo scorso mese di maggio, tre anni dopo la scomparsa della loro figlia di due anni, morta per una malattia cardiaca.

Sconvolti il ct Joachim Loew ed il manager della nazionale Oliver Bierhoff: “Siamo sotto choc – il commento – non sappiamo cosa dire”. Costernato il presidente dell’Hannover. Enke, successore di Lehmann durante Euro 2008, era infortunato da alcune settimane. Nella sua carriera ha vestito la maglia del Benfica (1999-2002), e quelle del Barcellona (2002-03) e del Tenerife (2003-04). Era dato come favorito per il ruolo di portiere della nazionale tedesca ai Mondiali del 2010 in Sudafrica.

FIORI E CANDELE ALLO STADIO – I tifosi dell’Hannover, appresa la morte di Enke si sono recati in pellegrinaggio al Niedersachsen Stadion per deporre fiori e accendere candele per il capitano della loro squadra. Intanto, la società ha confermato una conferenza stampa per mercoledì alle 12.30.

Ultime

Come fosse una bambola

I diversi livelli del reset che coinvolge i nostri popoli

Potrebbe interessarti anche