domenica 14 Aprile 2024

Ambasciatore porta pena

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Ancora pochi giorni e John Negroponte si insedierà a Bagdad come nuovo ambasciatore USA. Il curriculum di Negroponte è di tutto rispetto: già mandante dei torturatori del Nicaragua, del Salvador e dell’Honduras, il nuovo viceré statunitense si troverà come a casa sua tra gli aguzzini di Abu Ghraib. Il futuro dell’Iraq è sempre più roseo…

John Negroponte ha giurato oggia Washington durante una cerimonia di insediamento voluta dalla Casa Bianca per rendere pubblico il suo nuovo incarico in Iraq.
Pochigiorni ancora e John Dimitri Negroponte, classe 1939, arriverà a Bagdad in qualità di ambasciatore degli Stati Uniti ed andrà ad insediarsi in quella che fu la casa di Saddam Hussein. Lo ha voluto George Bush in persona, dopo aver valutato il curriculum del diplomatico, già ambasciatorein Honduras, Messico e Filippine, nonchè Consigliere per la Sicurezza Nazionale.
John Dimitri Negroponte sostituirà il “vicerè” Paul Bremer, che se ne torna a casa con sette miliardi di dollari in tasca.

Come credenziale, porta una lunga carriera in diplomazia, interrotta solo nei tre anni in cui fu vice presidente di una multinazionale. Le troppe ombre che circondano la figura di Negroponte ed i suoi rapporti con le giunte militari in molti paesi del Centro America porterebbero tuttavia a pensare che non sia lui l’uomo adatto a ristabilire “la pace e la democrazia” promesse da Bush nel momento in cui fu annunciata la nomina.

Nel 1995, fu proprio uno dei torturatori che martirizzarono la popolazione dell’Honduras a fare il nome di Negroponte come complice dei militari al governo in Honduras ma ad accusarlo ci sono anche i parenti di Ines Murillo, liberata solo dopo essere stata a lungo torturata, che inutilmente cercarono aiuto presso l’ambasciata americana.
I rapporti ufficiali compilati dall’ambasciatore USA in Honduras facevano apparire il paese del Centro America come una terra di pace e libertà, più simile alla Scandinavia che all’Argentina. Negroponte continuò a negare l’uso della tortura anche quando lungo le sponde di un fiume vennero rinvenuti185 cadaveri di persone morte durante le sevizie o assassinate subito dopo. Tra quei corpi, c’era quello del maestro elementare Saul Godinez, sequestrato dai militari istruiti dal SOA mentre si recava a scuola in motocicletta.

Negroponte fu scelto da Ronald Reagan percondurre le trattative segrete che si conclusero con la vendita di armi per centinaia di migliaia di dollari ai contras del Nicaragua all’insaputa dello stesso Congresso USA. Uniti da un odio feroce verso il comunismo, i due architettarono insieme una vera e propria crociata che si estese poi dal Nicaragua al Salvador, dove le vittime furono migliaia.

E’ noto che Negroponte controllò personalmente la costruzione della base aerea di Aguacate, dove i contras venivano addestrati e volle essere informato sulle tecniche d’addestramento. Nel 1980, quando venne assassinato Monsignor Romero, suor Letizia Bordes fuggì dal Salvador, dove per dieci anni era stata missionaria. Trenta delle sue consorelle erano scomparse e probabilmente uccise dagli stessi assassini di Romero. Bordes inviò una supplica proprio a Negroponte, che, come le proverbiali tre scimmiette, fece finta di non aver visto o sentito nulla.
Forse ci siamo sbagliati: sembra che stavolta Bush abbia scelto l’uomo ideale per rappresentare gli Stati Uniti in Iraq. Negroponte incarna perfettamente il modello dell’ambasciatore caro alla Casa Bianca, impermeabile alla sofferenza umana.
Pronto a giurare che ad Abu Ghraib i bambini possono giocare tranquilli…
Il futuro dell’Iraq è già cominciato.

Bianca Cerri
b.cerri@reporterassociati.org


Ultime

Inizia la storia della mezza verità

La vetrina dell'affare Moro

Potrebbe interessarti anche