lunedì 24 Giugno 2024

Bastardi

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored


Quattrocentotredici anni fa lo slancio mondialista

La Compagnia britannica delle Indie Orientali (British East India Company), fino all’Atto di Unione del 1707 Compagnia inglese delle Indie Orientali, nacque formalmente il 31 dicembre 1600 (dopo due anni di attività informale), quando la regina Elisabetta I d’Inghilterra accordò una “carta” o patente reale che le conferiva per 21 anni il monopolio del commercio nell’Oceano Indiano.
Società anonima, sarebbe divenuta l’impresa commerciale più potente della sua epoca, fino ad acquisire funzioni militari e amministrative regali nell’amministrazione dell’immenso territorio indiano. Colpita in pieno dall’evoluzione economica e politica del XIX secolo, declinò progressivamente e poi scomparve nel 1874.
Dal suo quartier generale di Londra, la sua straordinaria influenza si estese a tutti i continenti: la Compagnia presiedette alla creazione dell’India britannica, il cosiddetto Raj, fondò Hong Kong e Singapore, ingaggiò Capitan Kidd per combattere la pirateria, impiantò la coltura del tè in India, tenne Napoleone prigioniero a Sant’Elena, e si trovò direttamente impli 

Ultime

Non c’è ancora Robocop

In quel caso non si sarebbe scoperta la differenza

Potrebbe interessarti anche