martedì 23 Aprile 2024

Clinton is Lewinsking

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Hillary e i nuovi intenti femministi

Rafforzare i diritti delle donne non è solo un obbligo morale permanente, è anche una necessità. Lo sostiene Hillary Clinton con un intervento pubblicato oggi con grande risalto sulla prima pagina del quotidiano francese Le Figaro. “Nel momento in cui siamo confrontati a una crisi economica mondiale, alla proliferazione del terrorismo e delle armi nucleari, a conflitti regionali che mettono in pericolo le famiglie e le comunità, a cambiamenti climatici e ad altri pericoli che minano la sicurezza del mondo”, scrive la responsabile delle diplomazia americana, “non si può pensare di risolvere tutti questi problemi senza una piena partecipazione delle donne”. Se oggigiorno molte più donne sono alla guida di governi, aziende ed organizzazioni internazionali, è anche vero che “le donne rappresentano sempre la maggioranza dei poveri, malnutriti e non scolarizzati nel mondo”. Non solo: le donne sono molto spesso “vittime di stupri utilizzati come tattica di guerra” e vittime dello “sfruttamento” dei trafficanti di sesso internazionali in un business da miliardi di dollari. In particolare in un momento di piena crisi finanziaria, sostiene Clinton, “promuovere le donne è un investimento ad alto rendimento, che genera economie più forti, società civili più vive, comunità più sane e, soprattutto, pace e stabilità”. L’ex first lady promette di “far sentire la propria voce attraverso il mondo” e di voler “continuare a promuovere e a spingere in avanti” la questione delle donne. “Realizzare appieno il potenziale e la promessa che rappresentano le donne non solo è una questione di giustizia, ma anche di pace mondiale, di progresso e di prosperità per le generazioni future”.
Nobili intenti quelli di Hillary: anche Biff la seguirà nella battaglia, ma con discrezione e profilo basso, sotto al tavolo.

Ultime

Prua verso l’altra gente

Solare

Potrebbe interessarti anche