venerdì 19 Aprile 2024

Così non c’è nemmeno bisogno del velo

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Sembrerebbe che inizi a diffondersi un nuovo sistema per intraprendere rapporti di coppia: vedersi senza vedersi. Cene al buio fra sconosciuti. Ci mancava una trovata del genere per rimembrare
l’eros ai più sfuggito da tempo.

Milano, 3 ott. – Dopo il fenomeno degli incontri e degli amori nati sul web, gli italiani scoprono un modo tutto nuovo di sedurre: la cena al buio. La formula e’ semplice: un appuntamento tra sconosciuti che, tra un piatto caldo e un bicchiere di vino, si conoscono, si scambiano confidenze e si divertono per di dare vita a nuove amicizie e, magari, a nuovi amori. Fenomeno stigmatizzato nell’ultima pellicola di Carlo Verdone, la cena tra sconosciuti sembra dilagare da Nord a Sud, generando un connubio tra il piu’ classico dei piaceri, quello della tavola, e l’opportunita’ di conoscere gente nuova. Le regole stanno nel semplice rispetto dei posti assegnati e nella piacevolezza dei modi e della presenza, mentre i costi si aggirano intorno ai 20 euro per gustare un primo, un secondo, acqua, vino, caffe’, oltre all’isolita compagnia di altri 49 sconosciuti. I partecipanti sono cinquanta, equamente suddivisi in uomini e donne. I posti sono assegnati in base all’eta’ dei commensali per consentire la partecipazione ad una larga fascia di persone. ”L’impatto iniziale puo’ essere imbarazzante, ma poi -spiega Roberto Dellanotte, pierre milanese pioniere delle cene al buio- il ghiaccio si rompe quasi immediatamente e inizia una splendida serata all’insegna del buon umore”. L’eta’ media dei partecipanti si aggira tra i 30 e i 50 anni. ”Le cene al buio -afferma il pierre milanese- di solito sono frequentate da gente separata, divorziata, oppure da gente che approda in citta’ per lavoro e ha bisogno di stringere nuove amicizie”. Tuttavia, sembra che Cupido non ami frequentare le cene tra sconosciuti poiche’, solitamente, in questi incontri piu’ che grandi amori nascono nuove amicizie.

Ultime

Anche Parigi studia italiano

Nostra la pista d'atletica

Potrebbe interessarti anche