sabato 22 Giugno 2024

Creano desolazione e la chiamano pace…

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Quando la NATO bombardò la Serbia, in memoria del 24 marzo 1999

Padre Sava, dal Monastero di Decani, ha ricordato così la giornata del 24 marzo 1999, che dette inizio all’aggressione contro la Jugoslavia: “In memoria di coloro che morirono e soffrirono durante i tre mesi dell’aggressione NATO contro la Serbia nel 1999. Esattamente cinque anni fa la NATO lanciò massicci raids contro la Serbia senza l’approvazione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e senza che venissero cercate tutte le possibili strade per una stabilizzazione pacifica della situazione da parte della comunità internazionale. Benchè la NATO dichiarasse che gli attacchi aerei fossero diretti contro obiettivi militari Yugoslavi e contro il “regime” di Slobodan Milosevic, migliaia di civili di tutte le etnie soffrirono e morirono e vennero definiti “danni collaterali”. ” Sembra di risentire le dichiarazioni che si ripetono oggi a proposito dell’aggressione all’Iraq: obiettivi militari e bombardamenti “intelligenti” nelle dichiarazioni ufficiali, stragi di civili innocenti nella realtà. “Questo è il momento – continua Padre Sava, una delle voci più autorevoli della resistenza della comunità serba nel Kosovo – di ricordare tutte quelle innocenti vittime che furono uccise in nome di “freedom and humanity”, “libertà e umanità”, e preghiamo perché riposino le loro anime. Le vite che hanno perduto non saranno dimenticate, vivranno sempre nei nostri cuori e nella memoria del nostro popolo. Dopo cinque anni dalla fine dell’aggressione, il Kosovo è in fiamme: un posto invivibile per tutte le comunità non albanesi, la discriminazione etnica continua ed oltre 250.000 abitanti della Provincia (soprattutto Serbi) non hanno potuto fare ritorno alle loro case nonostante la presenza della NATO e delle Nazioni Unite, nonostante le promesse della comunità internazionale. Oltre 100 Chiese Serbo- Ortodosse (e altre trenta in questi giorni) sono state ridotte in cenere sotto gli occhi delle truppe internazionali di KFOR. Il Kosovo non è mai stato più monoetnico (albanese) in tutta la storia. La missione di pace non è altro che una caricatura di giustizia.” Tornano quanto mai attuali le parole di un poeta serbo contemporaneo, Matija Beckovic: ” Noi siamo soltanto piccole croci sul display dei loro computers, siamo soltanto elementi dei loro video-games…” E Padre Sava conclude la sua “memoria funebre” per le vittime delle “bombe umanitarie” della NATO con una citazione di Tacito: “Creano desolazione e la chiamano pace…” Belgrado, cinque anni fa città-bersaglio per gli aerei Nato che, per settantotto giorni, hanno bombardato la Serbia, nella prima “guerra umanitaria” della storia, è una città ferita che oggi ritrova il suo orgoglio. Gli aerei hanno smesso di sganciare esplosivi sui Balcani, occupati adesso a seminare morte sull’Iraq, ma la ferita resta aperta, sanguinante. Bruciano i “regolamenti di conti”, i suicidi, i “deportati” all’Aja, i morti ammazzati per strada come Djindjic. Brucia l’agonia del Kosovo, la morte lenta della comunità serba, decisa a restare nella “terra santa” del popolo serbo, il Kosovo e Metohija. I palazzi sventrati di Belgrado anche oggi ci ricordano l’altra faccia della guerra “umanitaria”, la zona oscura trascurata dai media, la testimonianza di un incubo, la visione allucinata di un presente insostenibile. Brucia quel colpo inferto ai cinque cittadini di Belgrado che si sono appellati Tribunale Civile di Roma e alla Carta dei Diritti dell’Uomo per chiedere giustizia per le vittime del bombardamento della tv jugoslava Rts. Richiesta respinta dalla corte europea di Strasburgo. La Nato non si giudica. Quella Nato che in Serbia e Montenegro ha prodotto un danno economico che è stato valutato in 30 bilioni di marchi tedeschi, e che i governi occidentali hanno promesso aiuti per 2 bilioni, non in denaro liquido, ma in beni. Aiuti, che, spesso, assomigliano a ricatti. Pancevo, tan

Ultime

E Roma fu salva!

Chi la dura la vince

Potrebbe interessarti anche