martedì 23 Aprile 2024

Cronache dal rogo

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

L’accanimento americano contro Demjaniuk

John Demjanjuk, 89 anni, il presunto boia nazista di Sobibor, non va – per il momento – in Germania. Con una decisione a sorpresa la corte di appello di Cincinnati (Ohio) ha sospeso l’estradizione dopo che Demjanjuk era stato prelevato dagli agenti dell’immigrazione Usa dalla sua casa di Cleveland. Una tv locale aveva fatto vedere le immagini in diretta di un’auto che lo aveva portato all’aeroporto dove un aereo privato avrebbe dovuto decollare diretto a Monaco di Baviera. Demjanjuk è accusato di complicità nella strage di 29 mila ebrei nel campo nazista di Sobibor. IL RICORSO – Il figlio di Demjanjuk aveva però inoltrato l’ennesimo ricorso per bloccare l’estradizione, sostenendo che Demjanjuk è troppo vecchio e malato per un viaggio così lungo. L’uomo soffre di problemi cronici ai reni, oltre ad avere forti dolori alla schiena e alle gambe. Si noti che Demjaniuk è stato già processato ed ASSOLTO da un tribunale israeliano per non aver commesso i reati che gli si addebitano. Cosa serve per far cessare la caccia alle streghe? Non bastano neppur più i tribunali israeliani perché i vegliardi siano lasciati in pace e perché persecuzioni montate cessino?

Ultime

Prua verso l’altra gente

Solare

Potrebbe interessarti anche