giovedì 13 Giugno 2024

Il Capitalismo ? Un enigma…

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

L’inflazione non controllata fa crollare i consumi, la produzione si ferma i precari e poveri aumentano…non è che l’osannato libero mercato non funziona come dovrebbe?


ROMA – In ottobre le vendite al dettaglio hanno registrato una flessione del 2,7 per cento su base annua, la più pesante dal maggio 2004, che si era chiuso con un -3,2 per cento. Su base mensile, l’Istat registra invece un arretramento dello 0,2 per cento. In uno scenario così negativo per i consumi, una nota positiva per la produzione italiana viene, sempre in base alle rilevazioni Istat, dalle vendite al di fuori dei confini europei: in novembre infatti si è registrato un incremento dell’export pari al 21,7 per cento.
Un dato che tuttavia non consola la Confcommercio, che commenta: “Siamo di fronte ad una picchiata
dei consumi che fa venire i brividi. E’ una situazione allarmante”. “Il 2004 si sta delineando come un
anno pessimo per il commercio al dettaglio – ribadisce il presidente di Confesercenti, Marco Venturi – Anche per il mese di ottobre il dato delle vendite, infatti, dà conto di una situazione di crisi che assume ormai toni di allarme per le piccole e medie imprese i cui margini si stanno azzerando, come dimostra il calo reale del 6 per cento per questa tipologia d’impresa”.


Altre prove per noreporter. A Presto Carlo


Ultime

Dipendenza gas

Ma resta volatile, come il mercato

Potrebbe interessarti anche