martedì 20 Febbraio 2024

Intelligenza a tre dimensioni

Google e l'IA

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Ma è americana

Google ha annunciato il lancio del suo ultimo e potente modello di intelligenza artificiale, Gemini, disponibile in tre dimensioni. Gemini Ultra, la categoria più grande e capace, sarà il primo modello a superare gli esperti umani in MMLU (massive multitask Language Understanding) ed utilizzerà una combinazione di 57 materie come matematica, fisica, storia, diritto, medicina ed etica per testare sia per approfondire la conoscenza del mondo che le capacità di risoluzione dei problemi.
Google lancia Gemini potente modello Intelligenza Artificiale in tre dimensioni – foto 2
Per Google, Gemini è più potente di GPT-3.5 Gemini Pro, invece si adatterà a un’ampia gamma di attività e Gemini Nano si utilizzerà per compiti specifici e dispositivi mobili. I dirigenti di Google hanno affermato che Gemini Pro ha sovraperformato GPT-3.5 di OpenAI. La società prevede di concedere in licenza Gemini ai clienti tramite Google Cloud affinché possano utilizzarlo nelle proprie applicazioni. A partire dal 13 dicembre, sviluppatori e clienti aziendali possono accedere a Gemini Pro tramite l’API Gemini in Google AI Studio o Google Cloud Vertex AI. Gli sviluppatori Android potranno anche creare con Gemini Nano. Gemini verrà utilizzato anche per potenziare prodotti Google come il chatbot Bard e Search Generative Experience.

Inizialmente disponibile in inglese
I maggiori progressi di Gemini arriveranno solo all’inizio del prossimo anno, quando il modello Ultra sarà utilizzato per lanciare “Bard Advanced”, una versione potenziata del chatbot che inizialmente verrà offerta solo a un pubblico di prova. L’intelligenza artificiale, in un primo momento, funzionerà solo in inglese in tutto il mondo, anche se i dirigenti di Google hanno assicurato ai giornalisti durante un briefing che la tecnologia non avrà problemi a diversificarsi in altre lingue.

Gemini entrerà anche nel motore di ricerca
base a una dimostrazione di Gemini per un gruppo di giornalisti, il “Bard Advanced” di Google potrebbe essere in grado di effettuare un multitasking dell’intelligenza artificiale senza precedenti, riconoscendo e comprendendo simultaneamente presentazioni con testo, foto e video. Gemini sarà anche integrato nel motore di ricerca dominante di Google, anche se i tempi di questa transizione non sono ancora stati definiti. “Questa è una pietra miliare nello sviluppo dell’intelligenza artificiale e l’inizio di una nuova era per noi di Google”, ha dichiarato Demis Hassabis, CEO di Google DeepMind, la divisione di intelligenza artificiale che sta dietro a Gemini.
Le capacità di risoluzione dei problemi della tecnologia sono state pubblicizzate da Google come particolarmente abili in matematica e fisica, alimentando le speranze degli ottimisti dell’IA che possa portare a scoperte scientifiche che migliorino la vita degli esseri umani.

Il dilemma sulle potenzialità negative dell’Ia
Ma una parte opposta del dibattito sull’IA teme che la tecnologia finisca per eclissare l’intelligenza umana, causando la perdita di milioni di posti di lavoro e forse anche comportamenti più distruttivi, come l’amplificazione della disinformazione o l’innesco del dispiegamento di armi nucleari. “Stiamo affrontando questo lavoro con coraggio e responsabilità”, ha scritto il CEO di Google Sundar Pichai in un post sul blog. “Ciò significa essere ambiziosi nella nostra ricerca e perseguire le capacità che porteranno enormi benefici alle persone e alla società, pur prevedendo misure di salvaguardia e lavorando in collaborazione con i governi e gli esperti per affrontare i rischi man mano che l’IA diventa più capace”.

Ultime

Un cuore bambino

Forse si può

Potrebbe interessarti anche