lunedì 4 Marzo 2024

La Casa Russia

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Alleati dell’Europa forse ma non nell’Unione

Cosa pensa la Russia? Se l’è domandato l’European Council for Foreign Relations (Ecfr), che ha girato la domanda a una serie di intellettuali russi, molti dei quali hanno avuto ruolo di consiglieri dell’ex presidente Vladimir Putin (ora premier) e del presidente Dmitri Medvedev. Gli interventi sono stati raccolti in un rapporto, dal quale si evince, tra le altre cose, che pensare la Russia desiderosa di far parte dell’Unione europea è un errore di prospettiva. Leonid Polyakov, politologo di peso in Russia, smonta l’idea, diffusa a Ovest, che Mosca voglia essere più vicina all’Europa. “La sfida che ci troviamo ad affrontare è quella di trasformare la Russia da imitatrice di altre civiltà a modello che gli altri debbano imitare”, spiega nel suo intervento dedicato a disegnare un “autoritratto ideologico” della Russia di oggi. La Russia di oggi si fida sempre meno dell’Europa. Mosca, spiega Fedor Lukyanov, esperto di geopolitica, teme che i suoi confini siano sempre più vulnerabili e tende a circondarsi di stati cuscinetto. Anche perché “non un solo paese nell’ex Unione sovietica, compresa la Russia, può dire per certo che i propri confini sono storicamente giustificati, naturali e, di conseguenza, inviolabili”.

Ultime

Come fosse una bambola

I diversi livelli del reset che coinvolge i nostri popoli

Potrebbe interessarti anche