domenica 14 Aprile 2024

Ladri del Natale

Sovversivi imbecilli

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Con la falsa scusa di non voler offendere i musulmani, per i quali Gesù è un profeta…

Natale cancellato, arriva la Festa d’inverno? Fa discutere la decisione del Presidente dell’Istituto Universitario Europeo di Fiesole di cambiare nome al Natale per eliminare il riferimento cristiano. La vicenda finisce sotto i riflettori della politica, con la Lega schierata in prima fila per contrastare l’iniziativa che viene bocciata senza appello da tutto il centrodestra.
In un messaggio postato su X, il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani si dice “sorpreso” dall’ipotesi formulata dall’Istituto e sottolinea come “noi siamo fieri del rispetto delle nostre radici cristiane, l’Europa è basata su questo. Non è un caso che l’Italia aveva scelto la Badia Fiesolana come sede dell’Istituto”.

La politica si ribella
Per il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato si tratta di “una idea folle e gravissima che offende tutti noi, le nostre radici e la nostra cultura. Rispediamo al mittente qualsiasi assurda richiesta di ‘revisione del Natale’ in nome di un buonismo e di una tolleranza a senso unico di cui siamo stanchi”. “L’Italia ha la sua storia e continueremo a rispettarla così come deve fare chiunque arrivi nel nostro Paese, senza pensare di stravolgere secoli di cultura che ci hanno portato ad essere il Paese accogliente che siamo, a differenza di altri che, come vediamo nelle cronache internazionali, fondano la loro cultura su intolleranza e fanatismo. Basta con queste richieste assurde. Noi faremo di tutto per mantenere salde le nostre tradizioni e i nostri valori cristiani”, conclude.

Si augura che “i responsabili dell’Istituto Universitario Europeo di Fiesole si ravvedano” Giovanni Galli, consigliere regionale della Lega. “Tale decisione sarebbe una sonora ed inaccettabile bocciatura delle nostre tradizioni, a favore di una maldestra volontà di non voler irritare altre culture – sostiene Galli – La festività del Natale ha una sua peculiare ed insostituibile caratteristica e volerla palesemente oscurare è intollerabile. Pertanto, se non verrà fatta marcia indietro, chiederò ufficialmente di annullare il consueto contributo regionale all’Università per la Festa dell’Europa”. “Noi continueremo a difendere i nostri valori ed il Natale va, quindi, assolutamente e complessivamente preservato da ogni tentativo di sminuirne l’importanza”, conclude Giovanni Galli.

Ultime

Inizia la storia della mezza verità

La vetrina dell'affare Moro

Potrebbe interessarti anche