sabato 22 Giugno 2024

L’amazzone

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Scoppia un putiferio perché una sottufficiale di gentil sesso avrebbe preso a calci una recluta durante le flessioni. Almeno tre considerazioni s’impongono

LA SPEZIA – Avrebbe sferrato dei calci nel costato a una recluta mentre questa faceva le flessioni come ordinato dal caporalmaggiore. Per questo una caporalessa di 24 anni in servizio al 186/mo reggimento paracadutisti “Folgore” di Siena è stata indagata, insieme ad un caporale di 23 anni.


L’episodio di nonnismo sul quale la magistratura militare indaga sarebbe avvenuto nel marzo 2004 ai danni di una giovane recluta. Il pubblico ministero militare Davide Ercolani ha inviato l’avviso di chiusura delle indagini preliminari e sta lavorando alla richiesta di rinvio a giudizio.


La recluta rimasta vittima dell’episodio di nonnismo aveva chiesto al caporalmaggiore Francesco V., 23 anni, di poter utilizzare il telefono. Il graduato gli avrebbe imposto di ‘pompare’, ovvero di fare flessioni, per poter ottenere quello che aveva chiesto.


Mentre la recluta eseguiva le flessioni, secondo l’accusa, Roberta S., caporalmaggiore


della Folgore, gli avrebbe assestato alcuni calci nel costato, procurandogli traumi e lesioni. Sia la caporalmaggiore Roberta S. che il pari grado Francesco V. sono indagati per violenza e ingiurie ad inferiore.



Primo: le flessioni con calci negli addominali sono esercizi che esistono da sempre e che nulla hanno a che fare con il “nonnismo”


Secondo: Il signor Francesco V. è una bella cacchetta


Terzo: per emanciparsi la donna diviene virago ?


Ultime

E Roma fu salva!

Chi la dura la vince

Potrebbe interessarti anche