martedì 25 Giugno 2024

Le giovani marmotte giocano ai guerrieri

Velleità, ma pur sempre ambizioni

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Ma mai dire mai

“L’invasione russa dell’Ucraina è stata anche una sveglia per l’Europa: dobbiamo ripensare la nostra difesa e la base industriale della difesa. E dobbiamo rafforzare la nostra industria non solo per avere maggiore accesso ai sistemi militari ma aumenterà molto anche l’interoperabilità delle forze armate dei diversi Stati dell’Ue”. Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa a Stoccolma con i premier di Svezia, Ulf Kristersson; e di Finlandia, Petteri Orpo. “A marzo la Commissione europea presenterà la strategia per l’industria europea della difesa”, ha annunciato.
“Stiamo lavorando intensamente con il Governo ungherese per avere una soluzione a ventisette per stanziare i 50 miliardi per l’Ucraina per i prossimi quattro anni. è la nostra priorità principale. Ma ovviamente prepariamo soluzioni alternative se ciò è impossibile ma in generale l’Ue è costruita sul dialogo e sul trovare le soluzioni insieme e con tutti i Stati membri”.

Migranti: Von der Leyen, siamo noi a decidere chi entra
“Stiamo lavorando con i Paesi d’origine e di transito per affrontare la migrazione illegale. E voglio essere molto chiara: abbiamo sempre rispettato i nostri obblighi internazionali, l’abbiamo fatta in passato, lo facciamo oggi e lo faremo nel futuro. Ma siamo noi in Europa a decidere chi entra nell’Unione europea e sotto quali circostanze e non i trafficanti e nemmeno gli autocrati” ha aggiunto.

Ultime

Dio bono!

Così diranno i ciclisti

Potrebbe interessarti anche