lunedì 24 Giugno 2024

L’italia c’è

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Note dall’Aquila

“E’ un piccolo passo per L’Aquila ma un grande passo per tutti gli aquilani”. Il giovane Daniele Giuliani – gli amici lo chiamano Giotto – ha quasi gli occhi lucidi nel vedere di nuovo Piazza Regina Margherita gremita di gente in occasione della riapertura della storia cantina “Ju Boss”, il primo locale a tornare all’opera nel centro storico, fatta eccezione per il piccolo chiosco di Piazza San Bernardino.
E la piazza è gremita con “giovani” di tre o quattro generazioni tornati per un brindisi a suon di Montepulciano d’Abruzzo. Gente che canta, che fa inni all’Aquila Rugby, che suona la chitarra o che balla a ritmo di pizzica.
Un’intera piazza disabitata fino a qualche giorno fa che torna a vivere quasi come il 5 di aprile. “La storia dell’Aquila passa per questo locale – ha commentato il presidente della Provincia Stefania Pezzopane -; tutti i cittadini sono passati per questa cantina che per me ha un valore affettivo importante considerando che ho fatto al Boss la festa del mio matrimonio”.
Ma la giornata è anche una festa delle famiglie che arrivano in massa sulla vicina via Castello parcheggiando ovunque, anche nei giardini antistanti il Forte Spagnolo. Si contano un migliaio di persone.
Per i più piccioli c’é l’albero di natale confezionato davanti alla statua del Tritone con i desideri da appendere. Per tutti c’é grande voglia di normalità.
“Sono nato in via Castello – racconta Giacomo Bonanni, sessantenne – e questa piazza è la mia seconda casa”. Tra i giovani, insieme ai tanti aquilani, figurano anche numerosissimi studenti fuorisede. Sarà festa anche in piazza Duomo per la riapertura dello storico bar Nurzia.

Ultime

Non c’è ancora Robocop

In quel caso non si sarebbe scoperta la differenza

Potrebbe interessarti anche