martedì 23 Aprile 2024

Loro resistono davvero

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

I lavoratori in quest’Italia alle prese con la morte bianca

Quattro morti in quattro distinti incidenti sul lavoro ieri in Italia, di cui uno a Cagnano Amiterno, un comune colpito dal terremoto del 6 aprile scorso. L’uomo stava lavorando con un escavatore quando è stato travolto dalle macerie.
UOMO MUORE DURANTE DEMOLIZIONE FABBRICATO
Un uomo è morto a Cagnano Amiterno, uno dei comuni in provincia dell’Aquila colpiti dal terremoto del 6 aprile scorso, travolto dal crollo di un fabbricato che stava demolendo. L’uomo si trovava in un cementificio, dove stava lavorando su un escavatore per demolire un fabbricato. L’uomo è poi sceso dal mezzo ed è stato travolto dalle macerie.
La demolizione del fabbricato non era dovuta ai danni riportati dal terremoto, anche se l’edificio era stato segnato dal sisma. All’interno del cementificio infatti, hanno accertato i vigili del fuoco, erano in corso lavori da tempo perché chi lo aveva acquistato aveva deciso di eliminare il fabbricato, una piccola costruzione di una decina di metri quadrati. Quanto è sceso dall’escavatore l’uomo è stato travolto dal crollo di una porzione di muro in mattoni ed è morto. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri.
DUE MORTI NELLE ULTIME ORE NEL BRESCIANO
Un camionista e un agricoltore sono morti in due incidenti sul lavoro avvenuti nelle ultime ore in provincia di Brescia. A Ome un agricoltore è stato travolto dal proprio trattore, dopo che il veicolo si è ribaltato. L’incidente è avvenuto nella serata di ieri ma il corpo della vittima è stato scoperto solo stamani dalla moglie che, non avendolo visto rincasare lo cercava da ore. Anche il camionista è stato travolto dal proprio veicolo. Il camion era parcheggiato, con il motore acceso, nel piazzale di un’azienda siderurgica quando si è messo improvvisamente in movimento ed ha investito il camionista che stava chiacchierando poco lontano.
OPERATORE ECOLOGICO MUORE A GELA
Un operaio addetto alla raccolta dei rifiuti a Gela, Umberto La Cognata, 50 anni, è morto mentre lavorava investito da un’ autocompattatore. Stamattina verso le 5.30, in via Venezia, La Cognata era sceso dall’autocompattatore per raccogliere una bottiglia, ma è stato travolto dallo stesso automezzo che stava facendo una manovra. Per lui non c’é stato nulla da fare.

Ultime

Prua verso l’altra gente

Solare

Potrebbe interessarti anche