venerdì 19 Aprile 2024

Ma chi li fabbrica quei biscotti ?

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

I presidenti americani, così divisi nelle piccolezze, così identici nella sostanza, scelgono sempre gli stessi biscotti. Li produce la stessa lobby che fabbrica i presidenti ?

WASHINGTON – I cinque ultimi presidenti degli Stati Uniti – Jimmy Carter, Ronald Reagan, George Bush padre, Bill Clinton e George W. Bush – hanno soltanto un punto in comune: andavano pazzi per le ‘chocolate chip cookie’ (biscotti con le pepite di cioccolata) che il pasticcere della Casa Bianca, lo chef francese Roland Mesnier, preparava per loro.
E’ una delle (poche) rivelazioni sulla vita quotidiana alla Casa Bianca che Mesnier, appena andato in pensione, ha fatto nelle (poche) interviste concesse per lanciare il suo libro di ricette, ‘Dessert University’, appena uscito negli Stati Uniti.
Sessanta anni, nato in un piccolo villaggio di 140 anime della Franche Comte’, nel Dipartimento del Doubs (est della Francia, a due passi dalla Svizzera), Mesnier fu assunto da Rosalynn Carter, mentre lavorava nel ristorante di un albergo di Hot Spring, in Virginia, non lontano da Washington.
Perche’ e’ stato scelto? Esattamente Mesnier non lo sa, anche se ammette che probabilmente la risposta esatta data alla domanda tranello della First Lady e’ stata decisiva.
Quando la Carter gli chiese che cosa intendeva preparare per la coppia presidenziale e per i loro ospiti, il candidato pasticcere rispose: ”Dessert leggeri e con poche calorie, molta frutta fresca e nessuna crema pesante a base di burro”.
Ma,la First Lady che il pasticcere francese ricorda piu’ volentieri e’ l’esigentissima Nancy Reagan, convinto che sia stata lei a portarlo ai piu’ alti livelli.
Alla Cnn, Mesnier ha raccontato di essere stato ‘bacchettato’ dalla Reagan, che aveva bocciato, all’ultimo minuto, i tre dessert per la cena in onore della regina Giuliana d’Olanda. La Frist Lady lo obbligo’ a lavorare per due giorni e due notti, per costruire 14 cestelli di zucchero, ognuno con sei tulipani di zucchero colorato, con sorbetto e frutta fresca nelle corolle

Ultime

Anche Parigi studia italiano

Nostra la pista d'atletica

Potrebbe interessarti anche