martedì 20 Febbraio 2024

Mare fuori

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored


Rocce e plastica a Trinidade

Li hanno chiamati “plastiglomerati” e hanno messo in allarme gli scienziati autori della scoperta. Non si tratta di un esperimento in laboratorio, ma di un evento spontaneo in cui la natura si è pericolosamente unita a un rifiuto inquinante.
È successo sull’isola brasiliana di Trindade, un piccolo paradiso terrestre di appena 10 km quadrati nell’Oceano Atlantico, dove la plastica si è letteralmente fusa insieme ai detriti e ai granuli sedimentari che formano le rocce.
Come ha commentato Fernanda Avelar Santos, geologa dell’Università Federale del Paranà: “Questo è un fenomeno nuovo e terrificante al tempo stesso, perché l’inquinamento ha raggiunto la geologia”.
Le principali responsabili della fusione sarebbero le reti da pesca, che vengono trasportate dalle correnti e si accumulano sulla spiaggia. Quando la temperatura sale, la plastica delle reti fonde e si incorpora nel materiale naturale dell’arenile.
Il fenomeno ha sorpreso i ricercatori anche per il luogo in cui è avvenuto. L’isola di Trindade è abitata solo da qualche decina di membri della Marina brasiliana che lì hanno una base, e in più è un’area protetta. Qui migliaia di tartarughe verdi – una specie in pericolo – vengono infatti a deporre le uova. Quindi non è esattamente il luogo dove ci si aspetterebbe di trovare della plastica e proprio per questo la scoperta spaventa il mondo scientifico. L’ennesima dimostrazione di come questo materiale ormai arrivi dappertutto.
Una prova della sempre maggiore influenza dell’uomo sui cicli geologici del Pianeta.

Ultime

Un cuore bambino

Forse si può

Potrebbe interessarti anche