giovedì 22 Febbraio 2024

Meglio Lisbona di Cartagine

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

 Perché tutto sommato non sono contrario al trattato europeo

Entra oggi in vigore il Trattato di Lisbona che concede maggiori poteri all’Unione Europea a scapito di quelli nazionali.
Il Trattato è tutt’altro che ottimale e da magnificare. Contro di esso si alzano da tempo le voci delle nicchie antagoniste affascinate a priori da ogni cosa che faccia attrito a qualunque dinamica e che oggi  s’illudono di sposare il sentimento di disagio delle minoranze euroscettiche.

Ne conosciamo i temi salienti. Protestano contro la perdita di sovranità nazionale.
Questo ha senso per gli inglesi la cui potenza, già minata alla base dalla miscela d’imbecillità e di tradimento di Winston Churchill che durante la guerra li privò dell’impero, va ora sbriciolandosi fronte alla rivincita continentale in atto da quando abbiamo varato l’Euro. Un po’ meno senso questa tesi l’ha per le nazioni vinte in guerra: per la Germania che dalla Ue e dall’Euro ha riacquisito potenza e per l’Italia che di sovranità non ne ha, né interna né esterna, da sei decenni e mezzo. Il che è sotto gli occhi di tutti; internamente la nostra nazione è spartita da gruppi internazionalisti come la mafia, che fa capo a New York, il Vaticano, e le centrali finanziarie dipendenti da Londra. Per non parlare dell’indipendenza militare: venticinque anni fa il capogruppo socialista al Senato, Formica, rivelò l’esistenza di una clausola segreta firmata durante la resa dell’8 settembre per la quale i nostri servizi militari dipendono direttamente dagli Usa. Quale sovranità sarebbe dunque minacciata dal Trattato?

Quella finanziaria, ci dicono gli anti-euro, e snocciolano il rosario dell’usura, del signoraggio, della tradita proprietà del popolo. Tutte cose giuste ma che, e questo è il punto,  non dipendono dal varo dell’Euro o della Banca Centrale Europea perché erano prerogative anche prima di tutte le banche nazionali e di tutte le valute. Il vagheggiato ritorno alla Lira – che non ci sarà – manterrebbe per intero l’impianto sistemico che viene criticato, aggiungendovi però la provincializzazione di un’Italia impoverita, priva di competitività e lontana da qualsiasi partecipazione a potenza.
Se però uscissimo tutti dall’Euro, obietta qualcuno, e si tornasse alla situazione di vent’anni fa…
E’ fisicamente impossibile perché mai nella vita e nella storia si è riusciti a tornare a un quadro precedente, a fermare il tempo, a bloccare alcunché (“Panta Rei”, tutto scorre, diceva addolorato Eraclito). Se però, per ipotesi di terzo tipo, ciò accadesse, i risultati sarebbero i seguenti: freno del calo di potenza inglese, interruzione della presa di potenza europea, riduzione dell’Europa a ventre molle delle prossime contese e suo avvio alla totale schiavitù.

Ma c’è la dipendenza politica, replicherebbero gli anti-euro. Perché gli esponenti politici e anche quelli finanziari dipendono dal partito atlantico, dalle massonerie, dai poteri forti e dai club.
Già: perchè gli altri, quelli delle nazioni borghesi, da chi dipendono, a che gruppi appartengono?
Chi non ha percezione delle dinamiche, si sofferma a osservare le meccaniche e con esse i marchi di fabbrica e di proprietà; ma le dinamiche contano eccome. E la dinamica degli interessi economici ed energetici europei, unita a quella delle mutazioni di relazioni di potenza internazionale, impone all’Europa di posizionarsi molto meglio di qualunque sua singola parte; lo ha dimostrato la crisi georgiana con la scelta di campo russa compiuta, pur con tutta la diplomazia del caso, addirittura quando il portavoce comunitario era Kouchner, uomo del partito atlantico, d’Israele e del globalismo, che però non poteva pronunciarsi contro gli interessi compatti dei capitali tedeschi e francesi nonché italiani, olandesi e via dicendo.

Rimane il rischio dei mandati di cattura europei, che consentono a chi violi per esempio una legge polacca di essere estradato in Polonia dal suo paese d’origine senza che la magistratura nazionale lo possa salvaguardare. Su questo punto sono d’accordo per dare battaglia, ma è qualcosa che dovrebbe preoccupare i cittadini di una nazione garantista, come la Danimarca, non noi.
Difficile trovare in Europa una tradizione così ampia e continuativa di processi politici, di condanne ideologiche, di violenze alla legge praticate a danno degli imputati. Roba da anni d’emergenza? Sarà, ma la scandalosa sentenza–Ciavardini è di ieri.

Quest’Europa non ci piace, non è l’Europa ghibellina, non è l’Europa rinata con Napoleone né quella dell’emancipazione e della libertà dei popoli che aveva riunito quasi magicamente l’Asse.

C’è molto da fare per contrastare tante tendenze interne a quest’Europa e, se siamo bravi, per imporne altre.
E qui deve far riflettere il fatto che a diciotto anni dal primo trattato, quello di Maastricht, le compagini nazionalistiche e radicali non abbiano ancora prodotto uno straccio di proposta alternativa. Perché fintanto che essa sarà  quella di regredire a schiavi schierandoci (in)consapevolmente dietro gli eredi di coloro che per tre volte spezzarono e soffocarono nel sangue l’ideale europeo, mi tengo anche quest’Europa di Lisbona.
Margaret Thatcher, a ragione nell’ottica inglese, che è anti-europea e anti-italiana per natura, per vocazione e per necessità, ha riepilogato il senso del suo anti-europeismo che si basa sull’anti-germanesimo. “Solo il coinvolgimento militare e politico degli Stati Uniti in Europa – scriveva nelle sue memorie nel 1993 – e un rapporto stretto fra gli altri due più forti Stati sovrani europei, la Gran Bretagna e la Francia, sono sufficienti a bilanciare la potenza tedesca. E nulla di simile sarebbe possibile all’interno di un superstato europeo”. E ancora, a giustificazione del suo fallito operato antiunitario: “L’asse franco-tedesco avrebbe visto Parigi sempre più in minoranza mentre l’America, ritirate le sue forze, si sarebbe ritrovata in disaccordo con il nuovo giocatore europeo nelle politiche mondiali”. Aveva perfettamente ragione, per fortuna.
Sulla base del verbo thatcheriano mai del tutto accantonato, in tutti questi anni è stata Londra, per la difesa della Sterlina e per la salvaguardia del controllo atlantico, a fare da attrito e a brigare per rallentare il Trattato europeo.

Londra contro Berlino, Londra contro l’Europa, la stessa Londra che ci ha fatto costantemente guerra nel Mediterraneo: dal tempo dei Borboni a quello di Mussolini fino alla “strategia della tensione” che fu suscitata e mantenuta per toglierci di mezzo da quello scenario. Cartagine è sempre contro l’Europa. Quest’Europa va modificata ma intanto togliamoci di dosso Cartagine. Ecco perché oggi, che entra in vigore il Trattato di Lisbona, mi schiero tra coloro che lo vedono positivamente. Criticamente ma favorevolmente.

Ultime

Furbetta artificiale

Posti a rischio a valanga, almeno nella prima fase

Potrebbe interessarti anche