lunedì 4 Marzo 2024

Moudrons kilomètres

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

 

Liegi: chi ha detto che la solidarietà operaia è morta?

Passione calcistica e diritti sindacali si fondono in una fabbrica di Liegi. ‘Colpa’ dell’eccessiva passione di un operaio per lo Standard, campione del Belgio dopo un duello interminabile, vinto al termine di un doppio spareggio, contro l’Anderlecht. I 400 operai metalmeccanici dell’azienda Cmi (gruppo Arcelor Mittal) hanno proclamato uno sciopero di 24 ore in difesa del collega tifoso, “richiamato” dalla direzione per le sue “eccessive” manifestazioni a favore della squadra del cuore.
LA BANDIERA DELLO SCANDALO – Secondo quanto riportato dal quotidiano belga ‘La Derniere Heure’ sul suo sito internet, Mario, questo il nome dell’ultras che stravede per lo Standard, per festeggiare il titolo aveva attaccato una grande bandiera del club nei magazzini dell’azienda dove lavora.
Quando la direzione gli ha chiesto di rimuoverla, Mario si è rifiutato. A quel punto la bandiera è stata comunque tolta dal muro, ma il tifoso noncurante ha riappeso il drappo, provocando una lettera di avvertimento in cui l’azienda gli rimproverava un “comportamento eccessivo”. Una sanzione che il sindacato ha considerato decisamente “sproporzionata”, tanto che dopo un’assemblea da stamani sono state proclamate per protesta 24 ore di sciopero.

Ultime

Come fosse una bambola

I diversi livelli del reset che coinvolge i nostri popoli

Potrebbe interessarti anche