domenica 21 Aprile 2024

Parla la Resistenza Irakena. Quella vera.

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Un esponente del Baath – laico, nazionalista e socialista – esce allo scoperto e racconta la sua verità, distinguendo la rivolta di popolo dalle azioni dei macellai tagliagole, la cui identità viene definita “misteriosa”. Di certo non è un mistero a chi facciano comodo gli atroci filmati del terrore: ai fomentatori dello scontro di civiltà ed ai loro servitori.




BAGHDAD. La «resistenza» irachena esce allo scoperto, e lo fa con un’intervista all’inviato della Stampa in Iraq. L’incontro, dopo mesi di contatti e rinvii, avviene in una villetta semicentrale di Baghdad. L’uomo, che si fa chiamare con il nome di battaglia Abu Moussa, non è armato: dicono avesse ricoperto alti incarichi nell’esercito di Saddam, forse comanda la guerriglia a Baghdad o forse ne è autorevole portavoce. Verificarlo è impossibile, però le cose che l’uomo senza nome rivela sono di estremo interesse. «Il nucleo della resistenza irachena – dice – è attivo dal 1998. Fu allora che il presidente Saddam, ritenendo ormai inevitabile una guerra, decise di creare una struttura segreta selezionando 15 mila uomini, i migliori elementi del “Baath” e la crema di esercito e corpi speciali ». Distingue la guerriglia dai terroristi: «Noi uccidiamo solo chi collabora con gli invasori. Quanti siamo? Ora un milione, forse di più: batteremo gli americani e li cacceremo dall’Iraq»
«Noi siamo la resistenza, non quelli che sequestrano e sgozzano»: l’iracheno, che si fa chiamare con il nome di battaglia di Abu Moussa e lancia questo messaggio, è un uomo di mezz’età che ci sta parlando con tono tranquillo rivelando vicende straordinarie. Contatti trascinati per mesi d’un tratto sfociano nell’ incontro, in questo momento colui che appare come il leader della guerriglia a Baghdad ha accettato l’intervista con tanta facilità da far pensare all’inizio di una campagna mediatica.
Per ragioni ancora non del tutto chiare la resistenza irachena deve aver deciso di uscire allo scoperto: lo fa per distinguersi dalle bande di macellai che sommergono il Paese, ma anche perchè probabilmente si sente abbastanza forte e vuole ribadire una “leadership” che è già nei fatti. L’uomo che ci sta parlando in una villetta semicentrale di Baghdad non è armato, anche se le camice a quadri o i “disdasha” dei suoi mostrano chiari rigonfiamenti ascellari: dicono avesse ricoperto alti incarichi nell’esercito di Saddam, forse comanda la resistenza a Baghdad o forse ne è autorevole portavoce, verificarlo è impossibile, pero le cose che l’uomo senza nomè rivela sono di estremo interesse.
Domanda iniziale: voi siete “la resistenza”, poi ci sono i terroristi islamici poi le bande di Al Qaeda poi i semplici banditi. Come si fa a distinguervi?
«Mi piacerebbe risponderle che ad un occidentale sarebbe più utile capire anzitutto cosa ci unisce. Pochi giorni dopo l’ingresso delle truppe americani a Baghdad mi trovavo in auto fermo ad un “check point”. E dinanzi alla mia era l’automobile di un commerciante molto noto, proprietario di una catena di pasticcerie che accompagnava il figlio e la sua fidanzata a fare acquisti in vista del matrimonio, un matrimonio rimandato a quando la guerra fosse finita. In un cassetto dell’ auto aveva 15mila dollari, s

Ultime

Buon Natale!

XXI aprile 753 a.C.

Potrebbe interessarti anche