giovedì 22 Febbraio 2024

Popolane e vigilesse

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Oro di Napoli

Tre donne, come erinni, si sono scagliate contro una vigilessa, in una centralissima piazza di Napoli. Una gang femminile ha aggredito così un’agente della polizia municipale che le aveva fermate a bordo di un ciclomotore e poi ha devastato i locali dell’Unità operativa dei vigili urbani dove era stata condotta.

Le tre donne, Grazia Cardolo, 23 anni, e due minorenni di 17 anni, tutte residenti nei quartieri della periferia orientale Barra e Ponticelli ieri sera sono state fermate in piazza del Gesù, nel centro storico della città, mentre circolavano in tre su un ciclomotore privo di targhino e senza indossare il casco.

Quando un’agente ha chiesto loro i documenti, le tre napoletane hanno cominciato ad insultarla e poi l’hanno aggredita, lanciandole contro pezzi del ciclomotore. La Cardolo ha colpito con un pugno al volto l’agente, mentre una delle due minorenni le ha morso un braccio e l’ha afferrata per i capelli.

Bloccate con l’aiuto di rinforzi e trasferite nella sede dell’Unità operativa «Avvocata» le tre donne hanno aggredito anche gli altri agenti presenti lanciando oggetti e danneggiando gli arredi. La maggiorenne è stata arrestata, mentre le due 17enni, che sono state trovate in possesso di una corda in nylon e di bulloni, sono state denunciate per oltraggio, violenza, lesioni, minacce, resistenza e danneggiamento ed affidate ai genitori. La Cardolo, processata per direttissima, è stata condannata stamattina a 16 mesi di reclusione con il beneficio della sospensione della pena. L’agente di polizia municipale aggredita dalla banda ha riportato la frattura del setto nasale, con prognosi di 25 giorni. Altri tre vigili, intervenuti per bloccare le tre donne, hanno riportato ferite guaribili tra i cinque e i sette giorni.

 

Ultime

Furbetta artificiale

Posti a rischio a valanga, almeno nella prima fase

Potrebbe interessarti anche