giovedì 13 Giugno 2024

Torturatori: se Zio Sam ti condanna

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Un anno di carcere al soldato Jeremy Sivits. ¨ il Massimo della pena prevista: da noi equivale ad un furto di mele o a una rissa semplice

Un anno di carcere per il soldato Jeremy Sivits. La corte marziale, riunita a Baghdad, lo ha riconosciuto colpevole per le sevizie contro i prigionieri iracheni nel carcere di Abu Ghraib. Il fotografo delle torture e’ stato anche congedato dall’esercito per cattiva condotta e degradato al rango di soldato semplice. Si tratta della massima pena possibile per i reati di cui era accusato. A Sivits e’ stata risparmiata soltanto la sospensione della paga. E’ il primo soldato condannato per le torture ad Abu Ghraib.


Sivits, riservista della 372esima compagnia della polizia militare, ha ammesso la sua colpevolezza per i reati contestati e si ritiene che testimoniera’ ai processi contro gli altri indagati nello scandalo. Secondo quanto ha spiegato un portavoce militare al termine delle tre ore e mezza di processo, e’ stato ritenuto colpevole di maltrattamento dei detenuti, negligenza per non averli protetti dagli abusi, crudelta’ e per aver obbligato un prigioniero ”a posizionarsi in una pila umana sul pavimento per essere aggredito da altri soldati”. Non e’ stato reso noto al momento il luogo dove scontera’ la pena.

Ultime

Dipendenza gas

Ma resta volatile, come il mercato

Potrebbe interessarti anche