martedì 27 Febbraio 2024

Un Sansonetti da noreporter

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

 

Il direttore de “L’altro” fustiga la sinistra, i gossip, il moralismo e le congiure contro il governo: inglesi, americane e israeliane

     Direttore Sansonetti è bufera su Murdoch e i suoi giornali: migliaia d’intercettazioni illegali, palate di quattrini per insabbiare tutto. Scandalo o no?

Uno dei tanti episodi del giornalismo scandalistico, vero guaio del giornalismo moderno”.

Ma il mito del giornalismo anglosassone?

Appunto: un mito. Sono convinto che il concetto che ‘la verità non esiste’ è una favola.

E la verità è anche il messaggio illegalmente intercettato?

No, quello è scandalismo, un surrogato della verità. E in nome dello scoop si viola qualsiasi regola etica e il diritto alla privacy delle persone”.

Diritto che deve valore per tutti?

Tutti, compreso il premier italiano, ognuno ha diritto a una vita privata che può essere diversa da quella pubblica. Le dirò di più: nessuno ha il dovere della coerenza.”

Berlusconi incluso?

Certo. L’ho pure scritto: con il noemismo s’è esagerato. Posso criticare Berlusconi sul machismo e sul cattivo modello offerto nel suo rapporto con le donne. ma…”

Ma?

Pensare, come ha fatto la sinistra, di poter rovesciare il governo su una questione simile è una vera pazzia.”

Però da mesi non si parla altro che di gossip.

Dal punto di vista culturale il giornalismo non si dimostra più avanzato di Berlusconi”.

Ma la sinistra cavalca il pettagolezzo. Perchè?

Sbaglia. Fa lo stesso errore che ha fatto durante Tangentopoli: ha smesso di fare politica per fare processi ed è defunta.”

Torniamo a Murdoch e al giornalismo anglosassone.

Ah, con questi falsi miti…”

Perchè falsi?

Sono favole. Prenda il Watergate, altro falso mito. I due reporter Woodward e Bernstein non hanno fatto nulla di alto e nobile.”

Ma hanno fatto cadere Nixon.

Che è stato, secondo me, il peggior presidente usa. Ma lo hanno fatto divenendo strumento di una congiura di palazzo.”

Congiura di palazzo: anche ora è così? C’è un complotto dietro gli attacchi alla vita personale del premier?

Non lo so ma non mi stupirebbe che abbiano congiurato alcune forze nazionali e straniere.”

Qualcuno ha fatto il nome di Murdoch. Possibile?

Certo. E aggiungo parte dei servizi segreti, interessi americani e pure israeliani.

Israeliani?

Credo che non siano visti bene i rapporti di Berlusconi con Putin e Gheddafi. E ci metto pure una parte della borgheesia italiana a cui il Cavaliere non piace.”

Borghesia a cui la sinistra strizza l’occhio?

Sì e sbaglia: non credo che la politica possa costituirsi appoggiando di volta in volta Agnelli o Murdoch.”

D’altronde Furio Colombo ha detto di recente: “Murdoch è il mio mito”.

Colombo viene da lì, dalla borghesia “illuminata” di sinistra. Il problema è che il progetto di interpretare pezzi di capitale meglio della destra è fallito con Prodi.”

Parte del Pd tifa per lo “squalo” Murdoch contro il “caimano” Berlusconi. Qualcosa che non va?

E’ logico in un sistema di politica come questo, dove tutto diventa funzionale per attaccare l’avversario.”

E lei chi preferisce?

Sono uguali: capitalisti, ricchi e potenti. Solo che uno fa il premier.”

Sul caso intercettazioni del “News of the world” non si registrano dichiarazioni scandalizzate. Perchè?

E’ il gioco delle parti. Fa comodo. Lo fa la destra e la sinistra. Ricorda il caso Clinton?”

Come no.

Chi sostenva che i suoi rapporti con la Lewinsky fossero fatti privati ora è bacchettone con Berlusconi. Si è bigotti o libertini a seconda dei casi.”

Intervista raccolta da Francesco Cramer.

Ultime

Dalla spada nella roccia

alla pianura padana

Potrebbe interessarti anche