lunedì 4 Marzo 2024

Vieni avanti cretino

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

 

Minacciosi complimenti al premier da Di Pietro che scalpita per recuperare su Fini

 

 

 

 

                “Presto ci sarà l’implosione di Berlusconi che cadrà con il dito alzato, facendo finta di niente fino all’ultimo minuto, esattamente come Saddam Hussein”. E’ questo l’attacco rivolto da Antonio Di Pietro al premier nel discorso di apertura della quarta festa dell’Idv a Vasto, in Abruzzo. L’ex pm ha accusato Berlusconi di aver “ridotto il paese al lastrico, alla invivibilità e al discredito internazionale”. Poi ha fatto una battuta parafrasando le parole del presidente del consiglio: “questo governo è il peggiore degli ultimi 150 anni e Berlusconi è stato il premier peggiore. Se ne vada per sempre prima della celebrazione dei 150 anni dell’unità d’Italia”.

PDL REAGISCE: “Antonio Di Pietro si comporta come un bandito. E la sinistra se non si dissocia apertamente dalle sue parole è complice di chi si atteggia a bandito”. Così Sandro Bondi, coordinatore nazionale del Pdl, commentando gli attacchi di Di Pietro. Per Daniele Capezzone “Di Pietro, con i suoi macabri insulti da Vasto contro Berlusconi, dà la misura di sé: un uomo pronto ad avvelenare il clima perfino durante una tragedia, perfino in giorni di lutto”. “Che cosa aspettano – chiede portavoce del Popolo della Libertà – gli uomini del Pd a rompere? Che altro deve succedere? Fino a che punto si dovrà giungere?”.

Di Pietro deve recuparare terreno. Fini gli ha praticamente preso il posto e la sua alleanza con D’Alema e Bersani rischia di essergli definitivamente pregiudizievole. Casini stesso alza la voce. Di Pietro non poteva tacere proprio ora che, mentre tutti possiamo apprezzare tangibilmente sulla nostra pelle il valore delle minacce americane, e dei franchi tiratori in magistratura, si è in attesa della decisione imminente sul lodo Alfano. Se dovesse essere quella che si augurano tutti i burattini, i guitti potranno ben presto assicurarsi un futuro, purcé calchino per tempo la scena avanspettacolare. E il robespierre dell’adriatico non si lascia perdere l’occasione: “facite vedé ‘e cosce, “vieni avanti cretino”…

Ultime

La bambola

I diversi livelli del reset che coinvolge i nostri popoli

Potrebbe interessarti anche