lunedì 26 Febbraio 2024

Zitti e mutui!

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored


La nuova stretta che strangola le famiglie

I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni comprensivi delle spese accessorie (Tasso annuale effettivo globale, Taeg) si sono collocati al 4,12 per cento a febbraio (3,95 in gennaio). Lo comunica la Banca d’Italia, sottolineando che la quota di questi prestiti con periodo di determinazione iniziale del tasso fino a 1 anno è stata del 46 per cento (59 nel mese precedente). Il Taeg sulle nuove erogazioni di credito al consumo si è collocato al 9,88 per cento (9,79 nel mese precedente).

I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono stati pari al 3,55 per cento (3,72 nel mese precedente), quelli per importi fino a 1 milione di euro sono stati pari al 4,39 per cento, mentre i tassi sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati al 3,04 per cento. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,54 per cento (0,49 nel mese precedente).

Nel complesso, i prestiti al settore privato, corretti sulla base della metodologia armonizzata concordata nell’ambito del Sistema europeo delle banche centrali (Sebc), sono cresciuti dell’1,1 per cento sui dodici mesi, in rallentamento dal +1,6 del mese precedente.

I prestiti alle famiglie sono aumentati del 2,5 per cento sui dodici mesi (3,0 nel mese precedente), mentre quelli alle società non finanziarie sono diminuiti dello 0,5 per cento (nel mese precedente il tasso di variazione sui dodici mesi era risultato nullo). I depositi del settore privato sono diminuiti del 2,4 per cento sui dodici mesi (-1,8 in gennaio). La raccolta obbligazionaria è aumentata del 3,9 per cento (0,7 in gennaio).

Ultime

Il fascismo inglese

Ricordiamo l'opera di Oswald Mosley

Potrebbe interessarti anche