Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Marzo 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Note
Liberate Carlo PDF Stampa E-mail
Scritto da libero.news   
Martedì 03 Marzo 2009 01:00

Giovedì davanti all'Ambasciata Usa manifestazione per il nostro connazionale deportato

'Il mio compagno è detenuto negli Usa da quattro anni per un'accusa ingiusta. Lo hanno arrestato e condannato sulla base di falsità e omissioni di prove. Carlo è un cittadino italiano. Le istituzioni hanno il dovere di intervenire''. E' un grido disperato quello di Katia Anedda, impegnata da anni nella battaglia per la liberazione di Carlo Parlanti, 44enne fisico e analista-programmatore di Montecatini Terme, detenuto dal 2005 in California per scontare una condanna a 9 anni per sequestro di persona, violenza sessuale e domestica nei confronti della sua ex convivente Rebecca McKay White. Una condanna ingiusta ''senza ombra di dubbio'', secondo la compagna e i tanti sostenitori della causa di Parlanti. Katia Anedda è un vulcano di iniziative e ad arrendersi alla sorte non ci pensa nemmeno. Per Carlo ha messo su un sito web (www.carloparlanti.it), un gruppo su facebook che conta oltre 1.200 iscritti (tra i tanti membri anche Francesco Storace), una petizione ai governi italiano e californiano da firmare on line (www.petitiononline.com/parlanti/petition.html). Sul caso è riuscita a portare un'attenzione bipartisan, sensibilizzando europarlamentari di entrambi gli schieramenti, come l'ex astronauta Umberto Guidoni (Unire la sinistra) e il segretario di Fiamma Tricolore Luca Romagnoli, ma anche, in casa nostra, deputati e senatori dell'Idv, come Fabio Evangelisti, e del Pdl come Marco Zacchera, Guglielmo Picchi e Mauro Cutrufo (vice sindaco di Roma). Pure tra gli amministratori locali, c'è chi sostiene la causa di Carlo. A cominciare dal sindaco e dal vicesindaco della sua città, Montecatini, Ettore Severi e Alberto Lapenna per finire con l'assessore alla Cooperazione internazionale, perdono e riconciliazione dei popoli della Regione Toscana, Massimo Toschi. "Il 5 marzo con la mamma di Carlo e il suo avvocato, Franco Cardiello, manifesteremo davanti all'Ambasciata americana a Roma, mentre davanti ai consolati di Milano, Firenze e Napoli ci saranno dei presidii di Casapound Italia, che ci sta aiutando in questa difficile battaglia", annuncia all'ADNKRONOS Katia Anedda, spiegando: "Io e i tanti amici che ci sostengono faremo di tutto per mobilitare l'opinione pubblica e le istituzioni affinché si facciano portavoce della nostra istanza di giustizia. Ho sentito Carlo ieri. E stato entusiasta quando ha saputo della nostra iniziativa per lui''.
 
Il fattore H PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Martedì 03 Marzo 2009 01:00

Letterale trionfo dei nazionalpopolari austriaci in Carinzia, se si aggiunge la Fpoe la maggioranza è assoluta

La Bzoe del recentemente scomparso Joerg Haider ha i collezionato il 45,6% dei voti. I socialdemocratici che dovevano contenderne il primato sono crollati al 28,8%. Se alla Bzoe sommiamo i voti della Fpoe (il partito da cui la Bzoe è nata per scissione e che è molto solido in tutto il resto dell'Austria), i nazionalpopolari raggiungono il cinquanta per cento dei voti. Un successo di dimensioni stratosferiche sul quale sarebbe necessaria un'analisi non semplicistica.
 
Sorridi e scaccia gli orchi PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Sabato 28 Febbraio 2009 01:00

Manifestazione antipedofilia a Rignano Flaminio

La manifestazione si svolge oggi 28 febbraio alle ore 15,il punto di ritrovo è il piazzale retrostante l'unico ufficio postale di Rignano flaminio in via Meucci e dopo aver girato tutta Rignano sosterà davanti al municipio. La manifestazione non è a carattere politico e quindi senza simboli di partito. Si è chiesto inoltre a tutti i partecipanti di portare qualcosa di bianco, colore che rappresenta la purezza, quella stessa purezza che deve essere propria dei bambini. Rignano è stato scelto come luogo simbolo della lotta alla pedofilia e i bambini di Rignano come "rappresentanti" di tutti i bambini del mondo.
 
Nel cielo di Roma il sangue di Gaza PDF Stampa E-mail
Scritto da Mosaico Romano   
Venerdì 27 Febbraio 2009 01:00

Accanto all'Ara Pacis, la cui profanazione Veltroni sta ancora pagando

Oggi qualcuno ricorda i 411 bambini palestinesi morti durante l’operazione Piombo Fuso.

Stamani Mosaico Romano, il coordinamento di associazioni operanti nel sociale ha manifestato nei pressi del Parlamento a Roma.

Abbiamo liberato, con un gesto semplice, dei palloncini per rendere omaggio ai bambini uccisi a Gaza ma presto torneremo a parlare dei territori occupati dove l’embargo continua ad uccidere.

I cittadini si sono dimostrati sensibili a questo problema nonostante le difficoltà quotidiane provocate dalla crisi del nostro Paese.

Abbiamo raccolto firme e distribuito oltre 1300 volantini per informare l’opinione pubblica che la popolazione di Gaza sta morendo nonostante la tregua.

Le istituzioni italiane non possono restare a guardare. Che si attivino per sensibilizzare i governi e far cessare l’embargo.

Al Mosaico Romano partecipano diverse associazioni impegnate nel sociale quali Popoli, Casa Pound, Foro 753, 2punto11, Circolo Futurista Casalbertone, Spatium Nostrum, Comunità Militante Ostia,Associazione CulturaleZenit, Soccorso Sociale.

Le iniziative proseguiranno, le adesioni sono aperte a organizzazioni di volontariato sociale


 
Medicine per Gaza! PDF Stampa E-mail
Scritto da Mosaico di sigle romane   
Giovedì 26 Febbraio 2009 01:00

Manifestazone romana nel bimestrale dell’operazione Piombo Fuso

Due mesi fa l’operazione militare Piombo Fuso ed il suo devastante effetto scuotevano l’opinione pubblica ed i media. Oggi nessuno sembra ricordare che in quella guerra sono morti 411 bambini oltre ad un elevato numero di civili. Ancora oggi vengono negati alla popolazione palestinese di Gaza gli aiuti internazionali fermi ai confini con l’Egitto.

La violenza sui bambini non è ammissibile. Per ricordarlo 15 associazioni romane impegnate nel sociale si sono unite per manifestare in Largo Goldoni a Roma (via del Corso) la mattina di venerdì 27 febbraio dalle ore 11 e per dare vita ad altre iniziative che volgono a interessare tutte le Istituzioni perché facciano togliere l'embargo dei medicinali che, decretato dai buoni, sta uccidendo altri bambini cattivi.

 
La prigione del silenzio PDF Stampa E-mail
Scritto da Katia Anedda   
Mercoledì 25 Febbraio 2009 01:00

Manifestazione davanti all'ambasciata americana per Carlo Parlanti

5 Marzo, grazie a Simona Cenni, Casa Pound, Nuova Destra Sociale, Volontarismo Sociale, i supporter di Carlo, Prigionieri del Silenzio, saremo in via Vittorio Veneto a Roma nei pressi dell'ambasciata americana a chiedere chiarezza e giustizia per Carlo Parlanti. A distanza di piu di una settimana, non abbiamo avuto alcun cenno ad una richiesta di incontro all'ambasciata Americana, è tempo di agire sperando che l'ambasciatore e lo Stato Americano rispondano con giustizia e seriamente. Alla manifestazione saranno presenti le persone che più si stanno dando da fare per Carlo Parlanti, tra cui il nuovo avvocato italiano che in pro-bono ha accettato l'incarico. Lo stesso giorno alla stessa ora un gruppo di persone, militanti e dei volantini e striscioni non verranno meno d'avanti ai consolati americani in Italia, quindi a Milano, Firenze, Napoli, qualsiasi ulteriore iniziativa, se per lo stesso obiettivo è ben accolta e potete contattare Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . A breve, verranno redatte delle denunce da presentare agli stati europei e negli USA, allo stato attuale la solidarietà dimostrata in Italia ci viene difficile riscontrarla in USA e per mandare avanti le denunce è necessario che Katia Anedda, in qualità di legale rappresentante di Carlo Parlanti lo faccia in prima persona, in Maggio, sarebbero disponibili ad accompagnarla in USA altre due persone che l'aiuterebbero con la comprensione linguistica e Simona Cenni in qualità di personaggio politico, per l'organizzazione di conferenze stampa che potrebbero smuovere i media USA. Come sapete la difesa di Carlo Parlanti è stata gravosa sulla famiglia e gli amici, per questo viaggio in USA si chiede aiuto che puo' essere dato con donazione di miglia per un biglietto omaggio o qualsiasi modo che possa far ottenere agevolazioni per questo viaggio, ogni piccolo aiuto è gradito naturalmente si darà trasparenza di tutto quanto si andrà a fare” A breve, quando si sapranno i dettagli delle altre città sarà inviato anche il comunicato ufficiale, come lei sa l’avvocato Cardiello ha accettato l’incarico e devo dire che sta scoprendo anche altri aspetti che non avevamo ancora visto, insomma più si va a fondo in quella documentazione piu’ scandalosa la si trova, per quanto riguarda il 5 Marzo, io mi augurerei in una sua partecipazione, come lei sa, la vicenda Parlanti è sostenuta in maggioranza da Donne, perche’ soprattutto noi, possiamo capire meglio se una violenza puo’ essere avvenuta e il male che fa, e sappiamo che le false accuse di violenza penalizzano e offendono le vere vittime di violenza, la vicenda Parlanti è un insulto alla civiltà e a chi soffre realmente.

Katia Anedda ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. – cellulre 347 4170814)

ITALIANO DETENUTO IN USA: LEGALE, 'SUPPLICA A GOVERNO ITALIANO'
http://www.carloparlanti.it/articoli/ansa2008.htm
http://www.carloparlanti.it/
http://blog.libero.it/carlofree/
http://www.prigionieridelsilenzio.it/
MISTER CARLO PARLANTI, ITALIAN 140558
http://www.marcozacchera.it/mister_carlo_parlanti_italian_140558.html
PER FIRMARE LA PETIZIONE:
http://www.petitiononline.com/parlanti/petition.html

 
Battaglia per Carlo PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Mercoledì 25 Febbraio 2009 01:00

Servono fondi, possiamo versarne un po' ognuno di noi

Per Carlo Parlanti, caso costosissimo, non c'è una lira e, ultimamente, la situazione è precipitata; raccolta fondi, per la sua battaglia

L'iscrizione come socio ordinario a "Prigionieri del Silenzio" costa 15 euro, come socio sostenitore 100 euro

http://www.prigionieridelsilenzio.it/content/view/80/56/

 
Scala il cielo PDF Stampa E-mail
Scritto da youtube.com   
Martedì 24 Febbraio 2009 01:00

Azione dimostrativa fiamma-futurista al teatro

Ecco i video dell'azione dimostrativa che i militanti pavesi della Fiamma Tricolore hanno compiuto per celebrare il centenario del Futurismo

http://www.youtube.com/watch?v=31DQXaOZL0I

http://www.youtube.com/watch?v=zTjPNs8z6fY

 
Concerto del Ventennale PDF Stampa E-mail
Scritto da Lorien   
Giovedì 09 Dicembre 2004 01:00

E' disponibile il doppio DVD del Concerto del Ventennale con Compagnia dell'Anello e Amici del Vento... giusto giusto per Natale ...

Il doppioDVD del "CONCERTO DEL VENTENNALE"

con "Compagnia dell'Anello" e "Amici del Vento"

La storia della musica alternativa italiana finalmente in 2 DVD di alta qualità

Tre ore di grande musica e spettacolo, 42 canzoni di cui 7 tuttora inedite

2 DVD alta qualità a soli 25 euro

acquista cliccando qui: http://www.lorien.it/prodotti.asp

Sconto del 20% per acquisti superiori a 5 pezzi - uno è gratis !!

Spedizione per posta prioritaria - in tre giorni a casa tua !!

Quest'anno regala e regalati il DOPPIO DVD del "Concerto del Ventennale"

 
Contea - nuovo CD PDF Stampa E-mail
Scritto da www.contea.info   
Giovedì 09 Dicembre 2004 01:00

Esce finalmente il tanto atteso "Il Campo dei Ribelli", opera del gruppo "Contea Modern-European-Folk", di cui Francesco Mancinelli e anima e promotore.

Il gruppo Contea ha avuto origine da una precedente esperienza di Francesco Mancinelli (che nel 1995 è stato tra i fondatori del gruppo musicale “ Terre di Mezzo ” ) , esperienza che ha avuto il proposito di rivalutare “la ballata” come espressione della tradizione musicale (canti , leggende, danze strumentali), e infine lo scopo di preservare e rivitalizzare il patrimonio sonoro e l’immaginario storico-mitologico ad esso collegato. Il gruppo Terre di mezzo dopo tre anni d’intensa attività concertistica (1995 - 1997) ha cambiato nome e formazione lasciando il posto a “Contea : Modern European Folk ”.

Contea è il richiamo al mondo magico di J.R.R. Tolkien e quindi “ all’Epos ”, ovvero l’anima culturale riconosciuta da Alain De Benoist come “ Impero Interiore” della Patria Eurasiatica. Il progetto è quindi finalizzato alla ricerca musicale sull’ identità europea e sulla sue specificità storiche, politiche e culturali . Lo strumento è la “Mitopoiesis”, cioè l’evocazione “di ciò che si fa Mito” attraverso prosa e poesia.

Il repertorio del gruppo viene eseguito mantenendo fedeltà ai canoni musicali della musica tradizionale irlandese, scozzese, bretone, dell’Italia centrale e meridionale, senza però seguire una stretta filologia . L’arrangiamento strumentale e le scelte timbriche del gruppo tendono alla sperimentazione, senza però intenzioni dissacratorie o parodistiche.

Contea” nei suoi repertori da voce alle rivolte ed alle insorgenze che in Scozia , in Irlanda , in Vandea , in Bretagna , in Tirolo fino al Regno delle Due Sicilie si levarono contro le ideologie della “ Modernità “, portatrici di un Nuovo Ordine che fu imposto con le armi e con la distruzione d’ogni uso e costume tradizionale. Tali brani rientrano nel Recital Multimediale “Il Campo dei Ribelli”, che è stato presentato dal 1989 in numerose città e che nel 2004 si è concretizzato con l’incisione del CD omonimo.

Il gruppo Contea ha anche partecipato ad alcuni laboratori sperimentali sul pensiero non-conformista , con testi e/o palinsesti creati ex-novo , riarragiando ballate e sonorita' della migliore tradizione dei cantautori

 
Spero che ritorni presto l’era del cinghiale bianco PDF Stampa E-mail
Scritto da Stefano Mannucci   
Mercoledì 27 Ottobre 2004 01:00

Battiato: “Gli americani ci marciano, perché gli fa comodo propagandare l’idea di un fanatismo islamico diffuso e condiviso. Tutte le volte che qualche scriteriato strumentalizza la Fede a fini di morte è un assassino o un infiltrato”

UN ARTISTA neorinascimentale, Franco Battiato. Con il cuore a Oriente e
gli occhi immersi in partiture destinate a un pianeta enigmatico (…) Ora si dedica alla colonna sonora del padiglione italiano per l’Expo’ Universale di Aichi, in Giappone: «Lì a marzo - spiega - ci sarà il "Satiro danzante", che mi piace pensare avvolto in un magma di acqua, aria e fuoco evocato da note elettroniche». Non basta: il 22 novembre sarà al Teatro dell’Opera di Roma con la Royal Philarmonic Orchestra e negli stessi giorni registrerà un programma per Raidue in compagnia dell’amico filosofo Manlio Sgalambro: «Racconteremo cose interessanti. La tv di oggi mi fa ribrezzo, tutta culi e tette di un metro quadrato l’una, ammassi di carne insensibile con cui molti, inspiegabilmente, si eccitano...».
Battiato, prendiamola alla larga. Dove si nasconde, Dio, oggi? «Dove è sempre stato. L’eterno non è iniziato con le miserie umane».
La sua "La cura" è considerata una delle più riuscite canzoni d’amore di sempre. Ma la si può leggere anche come l’attenzione di un Padre soprannaturale che supera "le correnti gravitazionali" del Male per soccorrere il Figlio.
«Alla nostra epoca manca levità. Abbiamo perso lo spirito di osservazione, il piacere di dedicarci agli altri».
Per Sophia Loren la data della strage dei bambini di Beslan coincide con quella della fine del mondo.
«No, purtroppo. La Storia si trascina sempre dietro l’orrore sui più piccoli. In molte forme. In un libriccino di De Sade si racconta di questo viaggio da Napoli verso il Nord, e agli angoli delle strade si vedono bambini di cinque anni impegnati a gratificare degli uomini con dei
servizi orali. E in una sorta di Divina Commedia mediorientale di qualche secolo prima di Cristo, troviamo un Virgilio arabo che conduce il suo Dante in una valle dove scorrono fiumi di sangue per i troppi massacri compiuti in nome del dissidio e del dualismo. A quel punto il viaggiatore si scopre esausto, e supera l’idea della malvagità: e la sua anima può elevarsi. Ecco, vediamo cose inaudite e non finirà, fin quando tutti non saranno stanchi di compiacersi nell’ecatombe. Troppe anime che vengono a reincarnarsi in questo 
pianeta non sono degne della razza umana...».
La sua come è stata, di infanzia? Che musica ascoltava?
<
 
<< Inizio < Prec. 151 152 153 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.