Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Agosto 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Storia&sorte
LA LINGUA DELL’OCCIDENTE CONTRO LE LINGUE DELL’EUROPA PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio Mutti   
Lunedì 14 Giugno 2004 01:00

La lingua, secondo Heidegger, è “la casa dell’essere”. La difesa delle lingue europee contro la peste americana è una linea di combattimento che riguarda la nostra stessa essenza di Europei.

In uno “speciale” dell’”Espresso” di quattro anni fa (19 novembre 1998) dedicato ai gerghi giovanili di fine millennio, un testo di Raffaele Simone terminava con un sommesso ma chiaro grido d'allarme: "Le ultime generazioni di giovani (...) hanno spostato, senza quasi che nessuno se ne accorgesse, alcune regole del gioco culturale. Noi siamo cresciuti nella convinzione che convenisse essere articolati, strutturati, che il linguaggio dovesse essere ricco, preciso e accorto; che le distinzioni dovessero essere sfumate, e che comunque distinguere fosse meglio che confondere, fondere o mescolare. Insomma, siamo cresciuti nella convinzione che una delle funzioni principali del linguaggio sia quella di aiutarci a essere articolati e precisi. (...) Oggi, invece, dall'universo della precisione stiamo regredendo verso quello del pressappoco: il linguaggio delle ultime leve giovanili (...) è generico (...) Rifiuta le messe a punto precise, le focalizzazioni rigorose: lascia tutto indefinito, in una sorta di insipido brodo di significati (che poi è forse proprio il brodo di cultura del New Age...)".

Adempiuta la formalità "pluralistica" di riservare una mezza paginetta anche al punto di vista critico, “L’Espresso” impostava però la sua inchiesta in tutt'altro senso, presentando ai lettori la neolingua "under-18" come "uno slang scherzoso, ludico, creativo e fantasioso". In ogni caso, se la concezione democratica della lingua proibisce ai lessicografi di orientare e li costringe a piegarsi all'"autorità dell'uso" e quindi a registrare supinamente, non sarà certo "L'Espresso" a dar lezioni di purismo...

D'altra parte, dell'attuale degrado della lingua italiana non sono certo i gerghi giovanili i soli colpevoli, e neanche i maggiori. Infatti, la principale arma culturale impiegata dall'Occidente nel suo attacco contro l'Europa è l'influenza linguistica esercitata dall'inglese. A dir la verità, più che della lingua di Oxford e Cambridge si tratta delle parlate semiumane della California, del Bronx e della Casa Bianca, vale a dire "del bel paese là, dove okay suona"; o meglio, dove suonò la prima volta, per esser poi adottato dalle scimmie dell'universo "mondo occidentale". Si tratta ormai di uno pseudoinglese "globale", una sorta di neoesperanto privo di ogni rapporto con la lingua di Shakespeare e di Pound, una lingua franca senza sintassi e impiegabile solo per fini pratici e limitati. “Per comprare un pacchetto di sigarette”, come dicono certi insegnanti di inglese. E se uno non fuma, che cosa se ne fa dell’inglese?

 
Iraq e TV : lo strano ruolo dell'avvocato Scelli PDF Stampa E-mail
Scritto da www.osservatoriosullalegalita.org   
Domenica 13 Giugno 2004 01:00

Dal 4 giugno scorso, giorno del'arrivo del Presidente Bush, assistiamo ad una fitta sequenza di eventi debitamente catapultati sui maggiori contenitori radiotelevisivi. L'ultimo significativo evento in ordine cronologico è la concitata conferenza stampa dell'avvocato Scelli, uomo di punta della Croce Rossa Italiana in Iraq.

Il tono e le parole usate da Scelli scatenano interrogativi legittimi sul ruolo umanitario? paramilitare? filogovernativo? che la Croce Rossa Italiana sta svolgendo nel teatro di guerra. L'aria esagitata dell'avvocato con la quale di fronte ai giornalisti negava in maniera più assoluta che sia stato pagato un riscatto per il rilascio degli ostaggi e che tutto si sia svolto
sul piano umanitario evidenzia due contraddizioni fondamentali:

1) La liberazione degli ostaggi ha avuto i caratteri di un'operazone militare o umanitaria?
2) La Croce Rossa Italiana può essere in grado di escludere il pagamento di un riscatto? E se ha l'autorità ed i mezzi per escluderlo con cognizione di causa in una conferenza stampa quale differenza passa tra un'organizzazione
umanitaria e una servizio militare di intelligence?

In altri termini quale fattore X spinge Scelli a dar man forte a Gianfranco Fini e al Governo nel replicare al lancio d'agenzia di Gino Strada
sull'ipotesi di una verità alternativa a quella ufficiale?

Un'idea si fa strada, ricordando l'intervento di Scelli nell'ultima trasmissione di Vespa con in studio il Ministro Frattini: Dopo un abbonadante esaltazione delle imprese della Croce Rossa in Iraq, Scelli si è lasciato andare ad un commovente ringraziamento al Ministro degli Esteri per il finanziamento della missione umanitaria. In campagna elettorale quell'involontario spottone crocerossino a favore di "Franchino" Frattini muove sicuramente la materia urnare delle cabine. A questo punto sorge il dubbio: Quale ruolo sta svolgendo da un punto di vista politico e militare l'avvocato Scelli?

Non è difficile ad un osservatore attento notare come i filmati dei Tg sugli attentati quotidiani in Iraq siano molto diminuiti, se non in qualche caso azzerati, contrariamente alla realtà, e che l'aria che si vuole mostrare al pubblico sia quella di una pseudo-normalizzazione pre-elettorale, di una risoluzione ONU che avrebbe, tra un affaccio da Vespa, uno da Mentana e un sms affettuoso della Presidenza del Consiglio, portato già pace, democrazia e più sicurezza nel mondo.

by www.osservatoriosullalegalita.org
 
Se la poteva proprio risparmiare PDF Stampa E-mail
Scritto da Agi   
Sabato 12 Giugno 2004 01:00

Ritrovato il relitto di una caravella che avrebbe partecipato al quarto viaggio di Cristoforo Colombo verso il Nuovo Mondo. Si ascrive al genio italiano la grande scoperta che avrebbe in seguito maciullato le civiltà e imbarbarito l’umanità.

In una piccola baia davanti alle coste di Panama sarebbe stato localizzato il relitto di una delle caravelle con cui Cristoforo Colombo effettuò il suo quarto ed ultimo viaggio verso le Americhe, nel 1502, alla ricerca di un passaggio che conducesse verso le Indie e la Cina. A quanto riferisce "Der Spiegel", dovrebbe trattarsi della caravella "Vizcaina", affondata durante il viaggio di ritorno verso la Spagna a causa delle pessime condizioni del suo scafo. Un esame dei reperti portati in superficie ha dimostrato che il legno dello scafo risale a un periodo compreso tra il 1469 ed il 1486, mentre le tracce di olio d'oliva riscontrate su alcune brocche di argilla indicano che esso proveniva dall'Andalusia, la regione spagnola in cui Colombo fece costruire le sue caravelle. Un altro forte indizio che si tratti della "Vizcaina" deriva dal fatto che esso non e' protetto da alcun rivestimento, misura entrata in vigore solo nel 1509 per combattere gli effetti devastanti del "Teredo navalis", il terribile tarlo del legno che divorava gli scafi di allora. Il relitto della "Vizcaina" fu stato scoperto nel 1996 da un sommozzatore dilettante nella baia panamense denominata "Nombre de Dios", nei pressi della localita' Portobelo, ma nessun ricercatore diede peso al ritrovamento. Da un anno a questa parte, invece, un team di cui fanno parte due famosi archeologi sottomarini della "Texas A&M University", il responsabile dei servizi archeologici del governo di Panama, eminenti studiosi sivigliani di Cristoforo Colombo ed uno specialista tedesco per la datazione con il metodo del carbonio C-14 dell'università di Kiel hanno condotto le ricerche che hanno permesso adesso di identificare la caravella di Colombo.

 
UNA IGNORATA MISSIONE DI EVOLA A PRAGA PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio Mutti   
Venerdì 11 Giugno 2004 01:00

Nell’estate del 1938 Julius Evola fu a Praga, dove svolse un’azione politica ad alto livello. Prima della rivolta scoppiata nel Sudetenland il 13 settembre, Evola frequentava nella capitale cecoslovacca “alte personalità ceche in carica di governo”, tra cui lo stesso ministro degli Esteri. L’ipotesi di cui Evola era portatore consisteva in un progetto di autonomia per i Sudeti all’interno della Cecoslovacchia. L’annessione dei Sudeti al Reich pose fine a questo progetto.

In un saggio dedicato all'attività svolta da Julius Evola in alcuni paesi dell'Europa centro-orientale, nonché alla fortuna della sua opera in tali paesi (Julius Evola sul fronte dell'Est, Edizioni all'insegna del Veltro, Parma 1998), abbiamo rievocato un episodio di natura politico-diplomatica di cui lo scrittore italiano fu protagonista a Praga nell'estate del 1938: Evola effettuò nei circoli governativi della capitale cecoslovacca una sorta di sondaggio, al fine di vedere se fosse possibile dare alla questione dei Sudeti una soluzione che non consistesse nella pura e semplice annessione al Reich. Da parte nostra, ipotizzavamo che tale sondaggio potesse "rientrare nel quadro di un tentativo progettato negli ambienti del Ministero degli Esteri del Reich, tentativo condiviso dai circoli politici"1 frequentati all'epoca da Evola.

H.T. Hansen, che è verosimilmente il miglior conoscitore dell'opera evoliana nell'area austro-tedesca, osserva in un suo studio recente che non vi sono né documenti né testimonianze attestanti una collaborazione di Evola con la Wilhelmstrasse2; per contro, lo studioso austriaco sembra propenso a ritenere che l'azione svolta da Evola in Cecoslovacchia abbia ricevuto il sostegno del circolo di Othmar Spann e in particolare di Walter Heinrich, la cui opera Hat der Westen eine Idee? era già stata favorevolmente segnalata dallo scrittore italiano3. In particolare, H.T. Hansen cita i seguenti brani della Weltwoche svizzera dell'11 ottobre 1935 (utilizzati da un rapporto della Gestapo): "La vera direzione del fronte patriottico dei Tedeschi Sudeti è nelle mani della Kameradschaftsbund, un'unione cameratesca formata da giovani politici tedesco-sudeti, il cui punto centrale di riferimento era l'assistente del noto prof. Othmar Spann, il libero docente dott. Heinrich, il cui compito consisteva nella diffusione delle idee di Spann. (..) I giovani uomini della Lega per il Cameratismo aspiravano molto più ad un modello austriaco che non a quello del Reich germanico (..) I giovani tedesco-sudeti di Spann sanno molto bene che con una uniformizzazione hitleriana sarebbero perduti e desiderano quindi sinceramente una realizzazione delle loro idee di Stato organico nell'ambito della Repubblica cecoslovacca"4. Da ciò si può agevolmente concludere che "gli sforzi di Evola e di Heinrich andavano nella stessa direzione"5.

 
NOVE MILIONI DI DOLLARI E NESSUN BLITZ PDF Stampa E-mail
Scritto da www.peacereporter.net   
Venerdì 11 Giugno 2004 01:00

Una fonte di PeaceReporter rivela: "Gli ostaggi italiani sono stati consegnati alle forze Usa, non c'è stato nessun blitz"

10 giugno 2004 - "Quella casa al numero 17 di Zaitun Street era disabitata da almeno due mesi. Fino a lunedì sera tardi (7 giugno, n.d.r.) quando, intorno alle 23, si è sentito un gran trambusto. Io, che abito al 13, ho visto arrivare alcune auto e fermarsi davanti a quella casa. Sono entrate un po’ di persone. Era buio, non abbiamo visto bene. Poco dopo se ne sono andati via ed è tornata la calma"."Il mattino seguente, intorno alle 9:30, sono arrivate cinque auto militari americane, di colore verde oliva. Si sono fermate davanti a quella casa. Ne sono scesi alcuni uomini vestiti in abiti civili e con gli occhiali scuri.Erano sicuramente uomini del mukhabarat (servizio segreto, n.d.r.) americano. Hanno aperto la porta dell’abitazione, senza forzarla, come se fosse già aperta, e sono riusciti subito con solo quattro uomini, che poi abbiamo saputo essere i tre ostaggi italiani e un ostaggio polacco.Li hanno caricati su un furgoncino bianco e se ne sono andati via. Il tutto con la massima calma. Non è stato sparato un colpo. Nella casa, a parte gli ostaggi, evidentemente non c’era più nessuno. Non è stato assolutamente un blitz militare come è stato annunciato tre ore dopo. Quelli sono tutta un’ altra cosa. Lì si è trattato di una semplice presa in consegna. Gli americani sono andati lì a colpo sicuro. Sapevano che gli ostaggi erano stati portati lì, si erano messi d’accordo. Il vostro governo ha pagato un riscatto: nove milioni di dollari. Qui ormai lo sanno tutti. Adesso però basta parlare al telefono, non è sicuro". A parlare, raggiunto al telefono da PeaceReporter, è un iracheno, il signor Fahad, che assieme ad altri due suoi vicini, il signor Mohammed e il signor Ibrahim, è stato testimone oculare della liberazione di Agliana, Cupertino e Stefio. Fahad parla dalla sua casa, al 13 di Zaitun Street, ad Abu Ghraib, il sobborgo occidentale di Baghdad divenuto tristemente famoso per lo scandalo delle torture sui prigionieri iracheni. La sua versione dei fatti è confermata da un'altra fonte irachena raggiuntada PeaceReporter, vicina al braccio politico della guerriglia. Una fonte che ha voluto rimanere anonima, e che ha fornito la sua versione di tutta la vicenda del sequestro, delle trattative e della liberazione.

La fonte inizia facendo un nome, quello di Salih Mutlak. "Mutlak dice è un facoltoso commerciante iracheno arricchitosi con le speculazioni e il contrabbando durante il periodo dell’embargo. Da molti è definito semplicemente come un ‘mafioso’. Lui è il personaggio chiave della vicendadella liberazione dei tre ostaggi italiani, assieme al già noto Abdel Salam Kubaysi (solo un omonimo di Jabbar al-Kubaysi), ulema sunnita e docente all’ università di Baghdad, salito all’onore delle cronache televisive internazionali per il suo ruolo nella trattativa per il rilascio - dietro pagamento di riscatto - degli ostaggi giapponesi".

Secondo la fonte, con Mutlak e con Kubaysi il governo italiano avrebbe trattato segretamente per settimane al fine di ottenere il rilascio di Agliana, Cupertino e Stefio, rapiti il 12 aprile assieme a Quattrocchi, ucciso il 14 aprile. Si scoprirà poi che aveva in tasca un porto d’armi rilasciato dalle forze britanniche e un pass della Coalizione.

I contatti tra i nostri servizi segreti, il Sismi, e la coppia Mutlak-Kubaysi sono iniziati subito dopo quei tragici giorni, e già il 20 aprile erano cominciate a trapelare notizie sull’accordo con il governoitaliano per il pagamento di un riscatto di 9 milioni di dollari. Il 22 era stato lo stesso governatore italiano di Nassiriya, Barbara Contini, a lasciarsi scappare che non c’era nulla da stupirsi del fatto che il governo pagasse un riscatto. "Si è sempre fatto così" aveva detto. Subito dopo aveva smentito questa dichiarazione, e il ministro degli Esteri, Franco Frattini, aveva detto che si trattava di "storie prive di fondamento". Lo stesso giorno, una qualificata fonte dei servizi segreti italiani rivelava

 
Sessantaquattro anni fa entravamo in guerra PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Giovedì 10 Giugno 2004 01:00

Il 10 giugno del 1940 l’Italia si schierava nel conflitto mondiale contro le plutocrazie. Una scelta avventata ? Le memorie di Benoist-Méchin ci dimostrano che fu proprio essa ad indurre Hitler, per tener fede al patto stipulato con noi, a negare ai francesi il primato nel Mediterraneo

Sessantaquattro anni fa, il 10 giugno, l’Italia dichiarava guerra alla Francia e all’Inghilterra ed entrava nel conflitto mondiale a fianco della Germania.

Visto l’esito della guerra, molti hanno poi imputato a Mussolini quella scelta, definendola avventata, superficiale e disastrosa.

Tutti questi critici arguti che, lo sappiamo bene, avrebbero organizzato meglio di lui la Marcia su Roma, avrebbero sgominato la Chiesa e la Massoneria, instaurato il paradiso terrestre e fondato un Regime millenario, fanno sfoggio di buon senso ma non tengono conto della realtà effettiva delle cose.

Quando Mussolini – e con lui la casa savoia che in tal senso aveva spinto strenuamente (leggansi le memorie di Filippo Anfuso “Da piazza Venezia al lago di Garda”, ed. Settimo Sigillo) – decise l’entrata in guerra, ogni altra soluzione sarebbe stata suicida.

E questo a prescindere dalle valutazioni morali e ideologiche sull’ Ora Suprema e sullo Scontro di Civiltà (vero quello, non virtuale e d’importazione come questi ultimi di cui si blatera oggigiorno).

L’Inghilterra non faceva altro che provocare interdicendo la rotta ai nostri bastimenti mercantili senza esitare ad attaccarli di tanto in tanto senza preavviso e in condizioni di pace.

Spinta alla guerra dall’Inghilterra e dalla Massoneria che avevano decretato la morte dell’Italia, la nostra nazione non aveva alcuna scelta possibile.

La presunta “neutralità” tanto declamata dai saggi di poi, sarebbe stata del tutto controproducente. Non soltanto perché l’Inghilterra ci voleva assolutamente in guerra e in questa ci avrebbe trascinati prima o poi, tramite le provocazioni aperte e le subdole manovre di corridoio, ma perché era in gioco la politica mediterranea intera e, con essa, l’esistenza stessa dell’Italia come avvenire e comunità di destino.

Se Mussolini avesse esitato, infatti, nei mesi successivi nulla avrebbe impedito a Laval, Darland (da non confondersi con Darnand) e Benoist-Méchin di ottenere da Hitler carta bianca nella regione mediterranea, una carta bianca che avrebbe segnato la nostra fine e che il Cancelliere del Reich non concesse ai francesi proprio per onorare gli impegni con Mussolini (cfr Benoist-Méchin: “De la défaite au désastre”).

Certo, col senno di poi, si può dire che, in qualunque caso avrebbero finito col vincere gli americani e, con loro, la Mafia, il Crimine Organizzato e l’Antistato.

È meno vero di quanto si creda in quanto, comunque, la guerra avrebbe anche potuto non essere persa, visto e considerato quanto la fatalità contribuì ai suoi esiti.

In ogni caso un’Italia neutrale non avrebbe assolutamente evitato di passare dalla libertà alla schiavitù, dal regime popolare al totalitarismo, visto e conside

 
Julius Evola in Ungheria PDF Stampa E-mail
Scritto da da un ampio articolo di Claudio Mutti   
Giovedì 10 Giugno 2004 01:00

La presenza di Julius Evola in Ungheria. Nel 1938 tenne una conferenza a Budapest. I rapporti con Himmler e Filipp Anfuso. Oggi le sue opere vengono tradotte e discusse. Una lapide commemorativa.

(…) In ogni caso, l'Ungheria sarebbe da considerare nel novero dei "Paesi vicini" in cui Evola svolgeva l'"attività propagandistica" segnalata nel 1938 a Heinrich Himmler.

Un "appunto per il Ministro" del 10 marzo 1942, redatto dal Capo di Gabinetto del Ministero della Cultura Popolare del governo italiano, informa che Evola è stato invitato a tener delle conferenze in Germania e in Ungheria. In Ungheria Evola si recherebbe su invito della contessa Zichy, presidentessa della Szellemi Együttmüködés Szövetségeinek Magyar Egyesülete [Unione Ungherese delle Società per la Collaborazione Spirituale], subito dopo le conferenze in Germania, per parlare sul tema Gralsmysterium und Reichsgedanke. "Trattasi – dice l'appunto – di una conferenza puramente storico-culturale, nella quale si cercherà di individuare il vero contenuto delle leggende medievali del ciclo del Graal e di dimostrare che esse, in certo qual modo, hanno costituito il prolungamento mistico degli ideali politici ghibellini dell'Impero e della Cavalleria". Il 25 marzo il Ministro della Cultura Popolare, Alessandro Pavolini, invia al Comando Difesa Territoriale di Roma e per conoscenza alla Questura dell'Urbe un telegramma che invita a "concedere massima urgenza nulla osta espatrio Germania et Ungheria Prof. Giulio Cesare Evola che deve recarsi detti Stati per conferenze debitamente autorizzate (…) Ministero Interno et Ministero Esteri hanno già accordato proprio nulla osta (…) Prof. Evola appartiene classe 1898 et est in forza come soldato Distretto Militare Roma II". In data 2 aprile, il Comando risponde al Ministero della Cultura Popolare comunicando la concessione del nulla osta per la Germania; aggiunge però "che non è stato possibile concedere tale nulla osta anche per l'Ungheria, non essendo consentito autorizzare l'espatrio contemporaneamente per più Stati".

Ciò nonostante, dopo aver parlato ad Amburgo, Berlino, Braunschweig e Stoccarda sul tema Rom und die Wiederentdeckung des olympischen Nordens, lo scrittore italiano si reca in Ungheria. Il 20 aprile è a Budapest, dove informa l'Ufficio Stampa della Legazione d'Italia di essere stato invitato a tenere una conferenza. In una "riservatissima" Relazione sulle conferenze tenute in Budapest dal pubblicista J. Evola del 4 maggio 1942, firmata dall'ambasciatore Filippo Anfuso e inviata per telespresso al Ministero degli Affari Esteri, si può leggere quanto segue: "Poiché dalla dichiarazioni del signor Evola non risultava chiaro se detta conferenza fosse stata o meno autorizzata, mentre questa Regia Legazione non aveva ricevuto alcuna comunicazione ministeriale al riguardo, fu telegraficamente interpellato codesto Ministero che rispose informando che la conferenza era stata autorizzata". 

A trent’anni dal trapasso, Evola, il mito capacitante PDF Stampa E-mail
Scritto da noreporter   
Giovedì 10 Giugno 2004 01:00

“I più si identificano con una certa posizione raggiunta, altri vogliono essere più che sembrare qualcosa e cercano se stessi oltre le loro opere. Evola appartiene a questi ultimi” (Adriano Romualdi) Il trentennale è stato celebrato, venerdì 11 giugno, a partire dalle ore 21 a Casa Pound. “Evola, il mito capacitante”. Organizzano Fahrenheit 451, Orion, Polaris, Perimetro, Settimo Sigillo, Edizioni di Ar, Edizioni Barbarossa

“I più si identificano con una certa posizione raggiunta, altri vogliono essere più che sembrare qualcosa e cercano se stessi oltre le loro opere. Evola appartiene a questi ultimi” (Adriano Romualdi)

Il trentennale verrà celebrato, venerdì 11 giugno, a partire dalle ore 21 a Casa Pound. “Evola, il mito capacitante”. Organizzano Fahrenheit 451, Orion, Polaris, Perimetro, Settimo Sigillo, Edizioni di Ar, Edizioni Barbarossa

L’opera di Evola sarà ricordata inoltre nel numero speciale di Orion di giugno e con un appuntamento sul Monte Rosa a fine mese.

“Occorre uscire dal cerchio fascinatore. Occorre saper concepire l’ a l t r o – crearsi nuovi occhi e nuove orecchie per cose divenute invisibili e mute nelle lontananze”.

 
EVOLA NEL TERZO MILLENNIO E.V. PDF Stampa E-mail
Scritto da Carlo Terracciano   
Mercoledì 09 Giugno 2004 01:00

“Render ben visibili i valori della verità, della realtà e della Tradizione a chi, oggi, non vuole il ‘questo’ e confusamente cerca l’ ‘altro’ significa dare sostegni a che non in tutti la grande tentazione prevalga, là dove la materia sembra essere ormai più forte dello spirito” “In ogni caso potrebbe salvare l’occidente soltanto un ritorno allo spirito tradizionale, in una nuova coscienza unitaria europea…Questo è il vero problema”. Julius Evola, Rivolta contro il mondo moderno.

Tempo di anniversari, tempo di commemorazioni.

Ma allora anche momento di consultivi e di propositi per questo terzo millennio d.C. già iniziato nella guerra e nel sangue, tra invasioni, torture e stragi che preannunciano scontri epocali di popoli e continenti.

L’ 11 giugno 1974 Julius Evola, presàgo della fine imminente, si era fatto portare dal letto alla sua scrivania; quella scrivania che negli anni era divenuta la sua trincea, la linea del fronte, da quando era rimasto paralizzato a Vienna nel ’45, riemergendo dalle macerie dei bombardamenti alleati.

30 anni sono passati e gli invasori di allora sono ancora all’opera: in Afganistan, in Iraq, in Medio Oriente, in tutta l’Eurasia e sull’intero pianeta.

In questo giugno ricorre anche l’anniversario dello sbarco in Normandia, il sessantesimo, come quello dell’occupazione di Roma da parte degli angloamericani, date celebrate dai vincitori e dai governi collaborazionisti.

Allora fu tutta l’Europa a perdere, anche quei francesi e inglesi che oggi “festeggiano la liberazione”. La guerra civile europea oltre ai milioni e milioni di morti, alle distruzioni materiali, alla perdita degli impero coloniali e della centralità dell’Europa nella politica mondiale, ha determinato l’occupazione permanente del continente, che si perpetua da ben oltre mezzo secolo !

E con il crollo dell’ URSS e la vittoria statunitense nella III Guerra Mondiale, la cosiddetta “guerra fredda”, oggi è la Russia stessa ad esser minacciata ai suoi confini e nella sua stessa integrità territoriale, dopo aver perso l’impero.

I “liberatori” sono rimasti, non se ne sono più andati, hanno impiantato le loro basi militari nei paesi europei, i partiti collaborazionisti dell’occupante nei parlamenti nazionali e in quello dell’ U.E.

Anzi, nonostante la fine della divisione europea di Yalta e il dissolvimento d

 
Legionarismo ascetico PDF Stampa E-mail
Scritto da Julius Evola   
Mercoledì 09 Giugno 2004 01:00

Julius Evola a colloquio con Corneliu Codreanu, capo delle "Guardie di Ferro". L’incontro di due uomini straordinari.

Bucarest, marzo.

Rapidamente la nostra auto lascia dietro di se quella curiosa cosa che è la Bucarest del centro: un insieme di piccoli grattacieli e di edifici modernissimi, prevalentemente di tipo "funzionale", con mostre e magazzini fra la parigina e l'americana, l'unico elemento esotico essendo i frequenti cappelli di astrakan degli agenti e dei borghesi. Raggiungiamo la stazione del Nord, imbocchiamo una polverosa strada provinciale costeggiata da piccoli edifici del tipo della vecchia Vienna, che con rigorosa rettilineità raggiunge la campagna. Dopo una buona mezz'ora, l'automobile svolta improvvisamente a sinistra, prende una via campestre, si arresta di fronte ad un edificio quasi isolato fra i campi: è la cosiddetta "Casa Verde", residenza del Capo delle "Guardie di Ferro" romene.

"L'abbiamo costruita con le nostre stesse mani" ci dicono con un certo orgoglio i legionari che ci accompagnano. Intellettuali e artigiani si sono associati per costruire la residenza del loro capo, quasi nel significato di un simbolo e di un rito. Lo stile della costruzione è romeno: ai due lati, essa si prolunga con una specie di portico, tanto da dar quasi l'impressione di un chiostro. Entriamo, raggiungiamo il primo piano. Ci viene incontro un giovane alto e slanciato, in vestito sportivo, con un volto aperto, il quale dà immediatamente una impressione di nobiltà, di forza e di lealtà. E' appunto Cornelio Codreanu, capo della Guardia di Ferro. Il tipo è caratteristicamente ariano-romano: sembra una riapparizione dell'antico mondo ario-italico. Mentre i suoi occhi grigio-azzurri esprimono la durezza e la fredda volontà propria ai Capi, nell'insieme dell'espressione vi è simultaneamente una singolare nota di idealità, di interiorità, di forza, di umana comprensione. Anche il suo modo di conversare è caratteristico: prima di rispondere, egli sembra assorbirsi, allontanarsi, poi, ad un tratto, comincia a parlare, esprimendosi con precisione quasi geometrica, in frasi bene articolate ed organiche.

"Dopo tutta una falange di giornalisti, di ogni nazione e colore, che altro non sapevano rivolgermi se non domande della politica più legata al momento, è la prima volta, e con soddisfazione" dice Codreanu "che viene da me qualcuno che si interessa, prima di tutto, all'anima, al nucleo spirituale del mio movimento. Per quei giornalisti avevo trovato una formula per soddisfarli e per dire poco più che nulla, cioè: nazionalismo costruttivo.

"L'uomo si compone di un organismo, cioè di una forma organizzata, poi di forze vitali, poi di un'anima. Lo stesso può dirsi per un popolo. E la costruzione nazionale di uno Stato, benché riprenda naturalmente tutti e tre gli elementi, pure, per ragioni di varia qualificazione e varia eredità, può soprattutto prendere le mosse da uno particolare di essi.

"Secondo me, nel movimento fascista predomina l'elemento Stato, che equivale a quello della forma organizzata. Qui parla la potenza formatrice dell'antica Roma, maestra del diritto e dell'organizzazione politica, della quale d'Italiano è il più puro erede. Nel nazionalsocialismo viene invece in risalto quanto si connette alle forze vitali; la razza, l'istinto di razza, l'elemento etnico-nazionale. Nel movimento legionario romeno l'accento cade soprattutto su quel che, in un organismo, corrisponde all'elemento anima: sull'aspetto spirituale e religioso.

"Da ciò sorge la caratteristica dei vari movimenti nazionali, per quanto essi, alla fine, comprendano tutti e tre questi elementi, e non ne trascurino nessuno. Il carattere specifico del nostro movimento ci viene da una remota eredità. Già Erodoto chiamava i nostri progenitori: "I Daci immortali". I nostri antenati getotraci avevano per fede, già prima del cristianesimo, l'immortalità e l'indistruttibilità dell'anima, ciò che prova i

 
JULIUS EVOLA IN ROMANIA PDF Stampa E-mail
Scritto da Claudio Mutti   
Mercoledì 09 Giugno 2004 01:00

Presenza di Julius Evola in Romania, dove lo scrittore italiano si recò personalmente nel 1938. L’opera dello scrittore italiano continua a suscitare l’interesse di un vasto pubblico di lettori.

In Julius Evola sul fronte dell'Est1 avevamo riferito del fatto che Nationalism si asceza [Nazionalismo e ascesi] (una raccolta degli articoli scritti da Evola sul colloquio con Codreanu) non era uscito dalla tipografia, perché all'ultimo momento l'editore ne aveva bloccata la stampa, essendosi accorto che si trattava di un testo… "troppo antisemita". Possiamo ora aggiungere che il libro ha potuto vedere la luce presso un altro editore (Fronde, Alba Iulia 1998). Lo scrittore Razvan Codrescu lo ha recensito sul periodico Puncte Cardinale2, mentre uno degli articoli compresi nel volume, Intâlnirea mea cu Codreanu [Il mio incontro con Codreanu] è stato riproposto dal mensile legionario Permanente3 ed un altro, Furtuna peste România: o voce de dincolo de mormânt [Nella tormenta romena: voce d'oltretomba], è stato ripreso su Puncte Cardinale4. Al rapporto di Evola con la Romania, tema che abbiamo affrontato nel saggio introduttivo a Nationalism si asceza, si riferisce anche un altro nostro articolo (Julius Evola si România), apparso quasi contemporaneamente su un periodico dell'emigrazione romena che si pubblica negli Stati Uniti, Origini5.

Recensendo su Origini6 il nostro saggio sulle Penne dell'Arcangelo7, Gabriel Stanescu citerà la testimonianza di Julius Evola come "la più eloquente" circa l'affiliazione di Mircea Eliade alla Legione Arcangelo Michele (G. Stanescu, O autentica revolutie crestina [Una autentica rivoluzione cristiana]). D'altronde, sempre in relazione alla vexata quaestio del rapporto di Eliade con il Movimento legionario, Julius Evola era stato menzionato più volte in un nostro saggio, circolato anch'esso in edizione romena: Mircea Eliade si Garda de Fier [Mircea Eliade e la Guardia di Ferro], Puncte Cardinale, Sibiu 1995.

 

<< Inizio < Prec. 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 Succ. > Fine >>

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.