giovedì 13 Giugno 2024

Il bue non dica cornuto all’asino!

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Mosca replica alle insinuazioni di Washington sulla presunta deriva antidemocratica di Putin affermando il diritto dei russi di essere padroni a casa propria e la loro volontà di NON scegliere il modello americano. E allude, non senza ironia, alle ultime, vergognose, elezioni presidenziali USA.

ROMA – La Russia rimanda al mittente i “consigli” americani. Il ministro degli Esteri di Mosca, Serghiei Lavrov, ha respinto oggi le critiche – espresse ieri dal segretario di Stato Usa, Colin Powell – sui progetti di Vladimir Putin nel campo delle riforme istituzionali. In pratica, il capo del Cremlino vuole modificare le istituzioni del suo paese in senso autoritario: misure necessarie – questa la motivazione – per meglio combattere il terrorismo, dopo il tragico attentato di Beslan.

“Innanzitutto, il processo in corso in Russia è affare interno nostro”, ha detto Lavrov parlando in Kazakhstan, e rispondendo così a Powell. In un’intervista concessa ieri all’agenzia di stampa inglese Reuters, il segretario di Stato americano aveva commentato i programmi di Putin dicendo che “in effetti si tratta di una marcia indietro dal punto di vista delle riforme democratiche, come era già successo in passato e la comunità internazionale ne è consapevole”.

“Siamo d’accordo sulla necessità di combattere il terrorismo – aveva giunto Powell – ma nella lotta contro i terroristi penso ci voglia un equilibrio corretto per non allontanarsi dalle riforme democratiche o dal processo democratico”.

Dopo meno di 24 ore, è arrivata la risposta di Mosca: Washington, secondo Lavrov, non ha il diritto di imporre il suo modello di democrazia a nessuno. “Ed è molto strano – ha proseguito il ministro degli Esteri russo – che mentre si parla di una ‘marcia indietro’, come dice lui (Powell, ndr) a proposito di alcune delle riforme nella Federazione russa, egli cerca ancora un volta di affermare l’idea che la democrazia può essere copiata solo dal modello di qualcuno”.

E ancora: “Sappiamo che anche gli Stati Uniti, dopo gli attentati dell’11 settembre, hanno preso delle misure abbastanza dure nel paese. Noi, da parte nostra – ha concluso Lavrov – non commentiamo il sistema delle elezioni presidenziali americane”.


(15 settembre 2004)

Ultime

Dipendenza gas

Ma resta volatile, come il mercato

Potrebbe interessarti anche