martedì 20 Febbraio 2024

Popoli in lotta

Più letti

Global clowns

Note dalla Provenza

Colored

Il volontariato internazionale arte marziale per una filosofia guerriera

Riuscitissima la quattro giorni dei Popoli in lotta al Circolo Futurista di Casalbertone.
I popoli in lotta per la propria sopravvivenza e la propria identità che hanno aderito alla festa: Karen, Tibetani, Palestinesi e Somali.
Rappresentanze ufficiali dirette o per delega sono state espresse dal principe Abucar e dal presidente del parlamento Mohamed Umar Dalha per la Somalia,  Francesca Santi per la Palestina,  Riccardo Oliva (Memento Naturae), Maria Vittoria Cattania (Laogai foundation),  Yaakar Gelek per il Tibet e Nerdah Mya per i Karen.
Il volontariato a sostegno delle lotte per la sopravvivenza e l’indipendenza di popoli minacciati di genocidio per gli organizzatori è intesa anche in un’ottica geopolitica incentrata sul risveglio europeo e sulla realizzazione di un terzo polo internazionale che ci consenta di non cedere alla forbice dell’alleanza imperialistica Usa-Cina.
Un volontariato che va inteso come un modo disarmato di combattere, un po’ come furono le arti marziali per i Samurai dopo l’editto che tolse loro le armi.
Al Circolo Futurista i monaci tibetani hanno regalato un Mandala realizzato durante la festa.

Ultime

Un cuore bambino

Forse si può

Potrebbe interessarti anche