Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Luglio 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Così van le cose PDF Stampa E-mail
Scritto da repubblica.it   
Venerdì 05 Maggio 2017 00:16


Tutto un groviglio e tutti con le mani in pasta

Da suicidio misterioso a spy story, con un misterioso black out nelle intercettazioni proprio nel giorno fatale. Il caso di Raffaello Bucci, l'ex ultrà bianconero diventato collaboratore della Juve e morto nel luglio scorso dopo essersi gettato da un viadotto a Fossano, coinvolge anche i servizi segreti che, emerge ora, lo avevano ingaggiato proprio per il suo ruolo di collegamento tra tifosi e società. "Avevo un rapporto fiduciario con lui, stante il mio impegno in Aise, dal 2010 al giugno 2015, anche se mantenne i miei recapiti": a dirlo ai pm torinesi Monica Abbatecola e Paolo Toso, nel settembre scorso, è un dipendente dell'Agenzia informazioni e sicurezza esterna messo a disposizione dei magistrati dai suoi dirigenti della Presidenza del Consiglio due giorni dopo il suicidio.
Bucci il 6 luglio era stato sentito dai magistrati che indagavano sui rapporti tra tifosi e criminalità organizzata, interessata a mettere le mani sul business del bagarinaggio. I pm gli fecero diverse domande sui suoi contatti con Rocco Dominello, figlio del boss della 'ndrangheta Saverio e considerato l'elemento di raccordo tra pericolosi capi ultrà come Dino Mocciola, leader dei Drughi, e la criminalità organizzata. Quel colloquio lasciò Bucci in uno stato di grande inquietudine, come raccontato dai suoi colleghi della Juve e come riconosciuto dallo stesso agente segreto che, in quei giorni, era stato contattato dall'ex ultrà preoccupato proprio per l'inchiesta.
L'interrogatorio dello "007" è negli atti dell'inchiesta Alto Piemonte, l'indagine della Direzione distrettuale antimafia sulle infiltrazioni della 'ndrangheta nella curva bianconera. Il suo nome finisce tra gli "omissis" per ragioni di sicurezza e sostituito con quello di “Gestore”: il suo compito era quello di trovare informatori e collaboratori per i servizi e, appunto, gestirli: "Con Bucci avevo un rapporto senza intermediari relativo all'infiltrazione di frange eversive e di estrema destra nelle curve – spiega l'agente segreto ai pm – Ma lui mi raccontò delle cose da cui nel 2013 nacque un appunto trasmesso ai carabinieri sul gruppo dei Gobbi, su cui ci sarebbe stato interesse della famiglia Ursini (storica famiglia 'ndranghetista di Torino, ndr)".
Insomma, già nel 2013 Bucci ipotizzava un legame tra ultrà e 'ndrangheta e ne informò i servizi segreti, senza però evidentemente comunicarlo poi alla Juventus quando, un paio d'anni dopo, fu ingaggiato per occuparsi dei rapporti tra società e tifo organizzato. I dirigenti bianconeri, a partire dal presidente Andrea Agnelli che il 15 maggio sarà sentito come testimone nel processo, hanno sempre assicurato di non aver mai saputo di tentativi di infiltrazioni mafiose, né della famiglia da cui proveniva Dominello. "Quando mi raccontò dei Gobbi non mi parlò di Dominello – racconta ancora “Gestore” – Fui io a collegare tale notizia a Rocco, sapendo da altri atti interni all'Agenzia che tale famiglia era vicina alla Juventus".
L'Aise sapeva dunque già nel 2013 del progetto criminale sgominato dai magistrati solo nel luglio 2016. E proprio il 7 luglio, il giorno della morte di Bucci, ci fu un improvviso black-out del servizio di intercettazione della procura di Torino che stava ascoltando le chiamate dell'uomo, elemento fondamentale per l'indagine secondo gli investigatori della squadra Mobile di Torino. Questo “incidente” creò non pochi problemi alla ricostruzione delle sue ultime ore e sui motivi del suo gesto (tanto che l'inchiesta è al momento archiviata). Gli inquirenti sono riusciti a recuperare solo i numeri di telefono contattati. In particolare, l'ultima telefonata prima di gettarsi dal viadotto Bucci la fece con un'utenza della Questura di Torino e in uso a un funzionario della Digos: "Era in ritardo per l'appuntamento che avevamo, mi disse che stava arrivando". Proprio in quei minuti però Bucci aveva fermato la sua Jeep Renegade in mezzo alla carreggiata e si preparava a mettere fine alla sua vita.


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.