Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Marzo 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Sturgeon and dragons PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Giovedì 16 Marzo 2017 00:40


Brexit è boomerang: Irlanda del Nord e Scozia; restando nella Ue possono recuperare l'indipendenza

Un nuovo referendum sull’indipendenza scozzese, da tenersi tra l’autunno del 2018 e la primavera del 2019, quando la Gran Bretagna starà per dare l’addio all’Unione europea. L’annuncio della leader indipendentista Nicola Sturgeon è un terremoto che scuote Westminster e mette a rischio l’unione tra Londra ed Edimburgo che dura da oltre trecento anni. La Gran Bretagna - fuori dall’Ue, dal mercato unico e dall’unione doganale, almeno secondo le intenzioni di Theresa May - potrebbe ritrovarsi un po’ più piccola oltre che più sola. Da Great Britain a «Little England», forse.

L’annuncio di Sturgeon fa irruzione nel bel mezzo di giornate cruciali per la Brexit: lei prendeva la parola a «Bute House», la residenza ufficiale del «first minister» (il primo ministro locale) a Edimburgo, e poche ore dopo, all’ombra del Big Ben, un Parlamento sotto choc dava l’avvio formale alle procedure di divorzio da Bruxelles con la Camera dei Comuni che ha ripristinato il testo originale bocciando gli emendamenti dei Lord. Oggi May riferirà a Westminster sul vertice europeo dei giorni scorsi, l’ultimo cui la Gran Bretagna ha partecipato prima di dare avvio alla Brexit. Resta da vedere se invocherà in questa occasione l’Articolo 50, che fa scattare i due anni di negoziati. Secondo molti osservatori, l’annuncio di Edimburgo potrebbe aver indotto la premier ad aspettare, forse fino alla fine del mese, passate le celebrazioni per l’anniversario dei Trattati di Roma. 


 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.