Accedi



Ricerca

Dossier Ricerca

Partner

orion

Centro Studi Polaris

polaris

 

rivista polaris

Agenda

<<  Aprile 2017  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930

NOEVENTS

Altri Mondi

casapound
Comunità solidarista Popoli
L'uomo libero
vivamafarka
foro753
2 punto 11
movimento augusto
zetazeroalfa
la testa di ferro
novopress italia
Circolo Futurista Casalbertone
librad

Sondaggi

Ti piace il nuovo noreporter?
 
Un treno pieno di signori PDF Stampa E-mail
Scritto da lastampa.it   
Giovedì 20 Aprile 2017 00:01


Le Ferrovie che sponsporizzano economicamente l'arrivo di questi gentiluomini...

«È stato un viaggio traumatico. Uso sempre il treno per raggiungere il mare, ma non avevo mai assistito a uno spettacolo del genere». Simona, studentessa torinese, era tra i trecento passeggeri che domenica ha avuto la sfortuna di viaggiare sul regionale Ventimiglia-Torino. È salita a Laigueglia alle 4,20 del pomeriggio e ha visto le luci della stazione di Porta Nuova quando erano ormai passate le nove. Ma non sono state le quasi cinque ore di viaggio a stupirla. Piuttosto quello che è successo dentro e fuori dalle carrozze.
La testimonianza
«L’incubo è iniziato quando siamo arrivati a Finale. Qui è salito un gruppo di giovani. Erano tantissimi, penso nordafricani, credo tutti minorenni. Con loro c’erano delle ragazze italiane. Erano ubriache. Continuavano a spostarsi tra gli scompartimenti. Si chiudevano nei bagni, immagino per non farsi trovare dal controllore». La situazione è degenerata quando una delle giovani si è messa a gridare: un magrebino le stava stringendo le mani al collo. «Uno scherzo», si è difeso lui, ma una coppia di pensionati ha chiesto l’intervento del capotreno. «Ci siamo fermati alla stazione di Cengio - racconta Simona . Lì c’erano i carabinieri e hanno fatto scendere il gruppo. Sono arrivate le ambulanze. Tre ragazze sono state trattenute: avranno avuto quattordici anni. Ho visto i militari che al telefono cercavano di mettersi in contatto con i genitori».
Passa quasi un’ora e mezza e il regionale riparte. Ma, a bordo, risalgono anche i sessanta magrebini. «Alla fine non gli hanno fatto nemmeno una multa. E questi hanno trascorso il resto del viaggio a prendere in giro tutti gli altri passeggeri. Dicevano: visto? Non ci possono fare niente». Prima di arrivare a Torino, la loro rabbia si è sfogata sui sedili di uno scompartimento, squarciati con i coltelli, e nei bagni, resi del tutto inutilizzabili. Una volta a Porta Nuova, poi, c’è stato il fuggifuggi generale. «Sono scesa e ho lasciato la stazione tra cordoni di poliziotti. Ma ho visto con i miei occhi un sacco di quei ragazzi che scappavano, correndo in mezzo ai binari. Insomma, credo che la maggior parte di loro, dopo tutto quello che ha combinato, l’abbia fatta franca».
Le indagini
Simona sembra aver ragione: almeno per ora, in attesa della denuncia del capotreno, la polizia ferroviaria è riuscita a identificare un paio di stranieri, che restano a piede libero. Intanto, Rfi conferma i danni riscontrati sul regionale. E domenica sera l’intera circolazione di Porta Nuova è stata interrotta per una ventina di minuti.
Non è la prima volta che succede. Il caso dei regionali che ogni giorno collegano Torino a Cuneo era già scoppiato due anni fa, quando erano stati i sindacati a inserire la tratta nell’elenco delle quindici più pericolose d’Italia. Criticità per altro denunciate dagli stessi controllori, rimasti soli a governare la vita di bordo dopo i tagli imposti dall’estate 2014. Così le corse erano state sorvegliate per mesi dalle pattuglie della Polfer. Ma la cronaca degli atti vandalici e delle aggressioni è recente. Proprio sull’intercity Torino-Savona, lo scorso 6 aprile, un uomo di quarant’anni è stato accerchiato e picchiato. Per salvare portafogli e telefono, ha rimediato un naso rotto e un trauma cranico: ha dovuto trascorrere la notte in ospedale. Gli aggressori, tre ventenni marocchini, sono stati rintracciati dai carabinieri a Fossano: se la sono cavata con una denuncia. Un altro episodio nel pomeriggio del giorno seguente, a Savigliano. Altri tre magrebini sono seduti accanto a una studentessa di venticinque anni. La infastidiscono, la distraggono e scappano con la sua borsa. Sempre i militari li acciuffano in stazione: due di loro sono minorenni.

 

Noreporter
- Tutti i nomi, i loghi e i marchi registrati citati o riportati appartengono ai rispettivi proprietari. È possibile diffondere liberamente i contenuti di questo sito .Tutti i contenuti originali prodotti per questo sito sono da intendersi pubblicati sotto la licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs-NonCommercial 1.0 che ne esclude l'utilizzo per fini commerciali.I testi dei vari autori citati sono riconducibili alla loro proprietà secondo la legacy vigente a livello nazionale sui diritti d'autore.